#A1Fvolley, a Novara il derby del Ticino

UYBA-IGOR_0882Grandi emozioni nei due anticipi della 23^ giornata della Master Group Sport Volley Cup di Serie A1 Femminile. Soprattutto al PalaYamamay di Busto Arsizio, dove la Unendo Yamamay non sfrutta quattro match point nella volata del quarto set e si arrende al quinto all’Igor Gorgonzola Novara, che dimostra tutta la propria rabbia agonistica dopo il passaggio a vuoto di mercoledì sera. Le farfalle ottengono dunque un solo punto, che permette loro di salire a +2 sulla Metalleghe Sanitars Montichiari, concorrente diretta per l’ottavo posto della classifica. Al PalaRadi fatica ma porta a casa il risultato pieno la Pomì Casalmaggiore, abile a frenare l’entusiasmo della Savino Del Bene Scandicci e a batterla per 3-1. In attesa delle altre partite, le rosa di Massimo Barbolini si portano a -3 dalla vetta.

Domenica il resto del programma su LVF TV: aprirà alle 17.00 l’incontro tra Sudtirol Bolzano e Nordmeccanica Piacenza, una delle ultime chance per le altoatesine di aggrapparsi ai Play Out. Alle 18.00 il big match del PalaVerde tra la capolista Imoco Volley Conegliano e la Liu Jo Modena e il duello tra Il Bisonte Firenze e Club Italia, con le toscane obbligate a vincere per sperare nella salvezza. Infine alle 19.00 derby lombardo tra Foppapedretti Bergamo e Metalleghe Sanitars Montichiari

UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO – IGOR GORGONZOLA NOVARA 2-3 (26-24, 21-25, 25-22, 27-29, 12-15)
Torna al successo la Igor Volley di Marco Fenoglio, che passeggia sull’orlo del baratro a Busto Arsizio e si tira fuori dalle difficoltà annullando ben quattro match point nel quarto set, prima di aggiudicarsi il match al tie-break. In un match segnato dagli errori, decisivo è stato l’apporto di Samanta Fabris (ancora una volta top scorer del match con 24 punti) e di Cristina Chirichella, premiata con merito Mvp del match con 18 punti all’attivo e il 77% in attacco, oltre a 3 ace e 5 muri.

Mencarelli sceglie il sestetto più rodato, con Lowe opposta alla regista Hagglund, Thibeault e Pisani al centro, Rousseaux e Papa in banda e Poma libero; con Sansonna ancora out, Fenoglio si affida in partenza a Fabris in diagonale a Signorile, Guiggi e Bonifacio al centro, Cruz e Fawcett in banda e Bruno libero.

Partono meglio le padrone di casa, subito avanti 5-2 con la parallela di Papa e la fast di Thibeault, murata poco dopo da Fawcett (6-5) prima del muro di Pisani su Bonifacio che costringe Fenoglio al timeout sul 9-5. Al ritorno in campo Busto allunta (12-7 al timeout tecnico, 13-7 col muro di Pisani), Fabris prova a ricucire chiudendo col punto una gran difesa di Bruno (14-10) ma il nuovo errore di Cruz vale il 17-10 e il secondo timeout per Fenoglio. Poco alla volta Novara rientra con il muro di Signorile (18-13) e con i tre punti in pochi scambi di Chirichella, subentrata a Bonifacio: muro su Lowe (19-16) poi due ace (21-20) con Mencarelli che ferma il gioco. Novara pareggia addirittura ai 23-23 ma nel testa a testa finale, il punto di Papa e l’errore di Fabris chiudono i conti sul 26-24.

Riparte forte Novara che trova il primo break sul turno in battuta di Signorile (parallela di Fawcett, poi ace della regista torinese: 1-4) e che allunga ulteriormente con il maniout di Cruz (5-9) dopo il temporaneo rientro delle lombarde (3-4, Thibeault). Chirichella in fast manda le squadre al timeout tecnico (8-12) e al ritorno in campo mura Papa, con l’ace di Signorile che vale l’8-15 e costringe Mencarelli al timeout; al rientro in campo Chirichella (9-17) e Thibeault rientra (13-18), mentre Fabris e Fawcett (attacco e poi muro, 17-23) avvicinano il traguardo. Il set ball lo conquista la croata, Fawcett sbaglia due volte (21-24), poi Papa manda out e chiude i conti sul 21-25.

Nuova inversione di trend nel terzo parziale, con Thibeault (muro su Fabris) e Papa che scappano subito 6-2 mentre Fenoglio chiama a raccolta le sue; dopo il timeout Novara rientra con il muro di Fawcett su Rousseaux (8-7) e sorpassa con quelli di Signorile su Papa e Fawcett su Lowe (11-12) mentre Mencarelli inserisce Degradi. Novara mantiene l’inerzia nel testa a testa fino al primo tempo di Chirichella (15-16), poi Lowe trova il break per le padrone di casa (18-16) mentre Bosetti (subentrata a Fawcett) è l’ultima ad arrendersi siglando il lob del 22-22. Novara si ferma di colpo, Busto non sbaglia più niente: due punti di Degradi valgono il 24-22, l’errore di Cruz il 2-1 per Busto (25-22).

Le biancorosse ripartono con Degradi in sestetto ed è proprio lei, in maniout, a firmare il primo break del quarto parziale (7-5) con Busto che prende la rincorsa grazie al muro di Pisani (9-6) e all’errore di Cruz (12-7) al timeout tecnico. Nel momento più difficile, Novara si aggrappa al muro di Signorile (14-11) e al maniout di Fawcett (14-12) ma dopo il timeout di Busto Arsizio è Chirichella a rivelarsi decisiva per la rimonta azzurra: prima mura Degradi per il 17-16, poi firma l’ace del 20-19, favorendo anche la “doppietta” di Fabris (entrambi i punti in maniout), del sorpasso sul 20-21. Il nastro butta a terra il servizio di Pisani (22-21), Novara annulla quattro match point alle lombarde e poi conquista il primo set ball con Guiggi (fast, 27-28) prima del muro di Fabris su Papa che manda le squadre al tie-break.

Rinfrancate dalla rimonta, le azzurre accelerano subito in avvio di tie-break, con Fabris (4-5) e col break firmato da Chirichella e Fabris (5-8) a metà parziale; Lowe spara out (6-10), Chirichella mura Degradi e Fabris con due punti in fila conquista l’8-13. Cruz sbaglia (11-13), Fabris no e Novara va al match point (11-14 in pipe), prima della fast di Guiggi che chiude i giochi sul 12-15.

POMI’ CASALMAGGIORE – SAVINO DEL BENE SCANDICCI 3-1 (25-22, 26-24, 25-27, 25-17)
La Pomì Casalmaggiore si impone 3-1 sulla Savino Del Bene Scandicci e si porta temporaneamente a -3 dalla vetta della classifica, occupata dall’Imoco Volley Conegliano. Le padrone di casa sono brave a mantenere la calma nei momenti critici del match e a portare a casa il risultato pieno, replicando il punteggio dei quarti di finale di Coppa Italia. Le toscane si confermano squadra ostica e mettono in difficoltà a più riprese le rosa, non abbastanza da tornare a casa con almeno un punto in tasca

La cronaca. Scandicci parte con Arias in sestetto. Le toscane, molto attente in difesa e sulle palle sporche, si portano avanti 6-9. Un muro imperioso di Stevanovic su Nikolova suona la carica alle rosa e Tirozzi mette giù d’astuzia il 9 pari. Le toscane accusano il colpo: si va al time-out sul 12-10 per le padrone di casa; sul 16-12 coach Chiappafreddo deve chiamare subito una nuova sospensione per riordinare le idee. Pomì, più tecnica e potente, mantiene le distanze; ma Scandicci si fa sotto (20-19), approfittando di un muro rosa non assassino come al solito. Tirozzi batte forte, Lloyd tocca a rete e Casalmaggiore prende di nuovo il largo: 23-20. Piccinini chiude il set con una schiacciata di potenza da posto quattro.

Secondo parziale: sono Tirozzi a dettare il ritmo per le rosa e Stufi per le bianche. Regna l’equilibrio: 8-8. Ma Casalmaggiore ha una Sirressi in più e anche il muro e Piccinini cominciano a far male: 16-12. Con pazienza e determinazione, Scandicci si riporta sotto: 19-17. Tirozzi trascina nuovamente avanti le padrone di casa: 22-17. E la solita Stufi mette giù il 23-21. Scandicci non molla mai: 23 pari. Ancora una volta, Casalmaggiore si dimostra più cinica nelle fasi calde del match: ed è 26-24.

Scandicci è un osso duro e nel terzo set si porta avanti 4-5. Muro di Stevanovic e schiacciata di Piccinini, è sorpasso: 6-5. Stufi sigilla il 7 pari e ribatte di prima intenzione una ricezione difettosa Pomì: 7-9. Tirozzi spara fuori: 11-13. Ingenuità delle toscane (errore di formazione) ed è 13 pari. Stevanovic mura Nikolova ed è il nuovo sorpasso. Kozuch va a punto dalla seconda: 15-14. Sbaglia Piccinini in attacco e Scandicci è ancora avanti. 16-17. Forse il primo scambio lungo dell’intero match: ed è Stevanovic in veloce a mettere a terra il 20-19. Stufi mura Piccinini: 23-24. Ma la stessa Piccinini, di esperienza, tiene a galla le sue: 24 pari. Ace di Cambi, ed è il primo match ball. Ma non è finita: Nikolova schiaccia dalla seconda il 25-26, e questa volta è la Savino Del Bene a far suo il gioco.

Pomì Casalmaggiore non vuole nemmeno pensare alla possibilità dell’ennesimo tie-break, e parte forte nel quarto parziale, con Stevanovic e Kozuch in evidenza. La partita non sembra avere più molto da dire: unico brivido è l’infortunio occorso a Ikic (un colpo fortuito al naso che la tramortisce e costringe ad uscire dal campo). Scandicci ha esaurito le proprie risorse, sul 18-11 coach Chiappafreddo chiama time-out. Non serve: anche il pubblico ne è consapevole e si ammutolisce. Il punto del definitivo 25-17 lo sigla Lloyd correggendo a rete una ricezione lunga di Tirozzi.

I commenti. Il vice allenatore della Pomì, Giorgio Bolzoni: “Era una partita difficile, perché Scandicci arrivava da una striscia positiva di risultati e dall’entusiasmo conseguente al cambio allenatore. Noi eravamo forse più sotto pressione, ma siamo stati bravi ad affrontare la partita nel modo giusto. Soprattutto nel quarto set, che credo ricalchi l’effettivo divario tra le due squadre”. Sirressi: “Scandicci è un’ottima squadra, che lotta fino in fondo, difende bene e sa contrattaccare. Nel terzo set abbiamo patito un calo; ma in altre partite probabilmente saremmo andate al tie-break, mentre in questa occasione siamo state capaci di reagire. Lo ritengo un passo avanti”. Stufi: “Pomì ha un muro alto e una gran ricezione: contro una squadra del genere bisogna rischiare, e dunque ci sta anche qualche errore. Siamo state condizionate pure dagli infortuni (Ikic ed Alberti, ndr). Penso comunque che la nostra sia stata una prestazione positiva, di cui essere contente”.

LVF TV
Non perdere l’occasione di gustarti tutta la Master Group Sport Volley Cup di Serie A1 su LVF TV con l’abbonamento HALF SEASON, che a soli 34.95 € ti permette di vedere:
• Il live di 5 partite di ogni giornata del Campionato di Serie A1 Femminile, con la sola esclusione dell’anticipo/posticipo trasmesso da Rai Sport.
• Le gare dei Play Off Scudetto, non trasmesse su Rai Sport.
• La differita di tutte le partite del Campionato di Serie A1 Femminile con la formula VOD (VideoOnDemand); incluse quelle trasmesse da Rai Sport, a partire da 24 ore dopo la fine del match e solo in Italia, Citta del Vaticano e San Marino.
• Highlights (già disponibili poche ore dopo la fine dei match), interviste ai protagonisti, rubriche e altri contenuti speciali.

YOUTUBE
Lunedì 7 marzo sul canale ufficiale di Youtube della Lega Pallavolo Serie A Femminile saranno caricati tutti gli highlights delle gare della 23^ giornata.

LIVESCORE e APP
Tutti i risultati e le statistiche in tempo reale sono disponibili sull’homepage del sito www.legavolleyfemminile.it. L’App Livescore Lega Volley Femminile, compatibile con sistemi iOS e Android e scaricabile gratuitamente su Apple Store e Google Play Store, offre tanti contenuti speciali agli appassionati: oltre a fornire preziose informazioni sui match del Campionato, quali il link diretto alla biglietteria online, le coordinate satellitari dei palazzetti, il collegamento al player di Rai Sport e di LVF TV per la visione del match, ora pubblica in tempo reale le statistiche di ogni match, con l’indicazione delle giocatrici scese in campo e del loro score di punti (attacchi, ace e muri).

LIVE TWEET
I social media della Lega Pallavolo Serie A Femminile coinvolgeranno le migliaia di fan con strumenti di interazione prima, dopo e durante le partite. Tra questi, il live-tweet su Twitter delle partite di maggiore interesse. Per la ventitreesima giornata, appuntamento domenica con aggiornamenti in diretta da Sudtirol Bolzano-Nordmeccanica Piacenza (ore 17.00), Imoco Volley Conegliano-Liu Jo Modena (ore 18.00) e Foppapedretti Bergamo-Metalleghe Sanitars Montichiari (ore 19.00).

IL PROGRAMMA DELLA 23^ GIORNATA
Sabato 5 marzo, ore 20.30 (diretta Rai Sport HD)
Unendo Yamamay Busto Arsizio – Igor Gorgonzola Novara 2-3 (26-24, 21-25, 25-22, 27-29, 12-15)
Sabato 5 marzo, ore 20.30 (diretta LVF TV)
Pomì Casalmaggiore – Savino Del Bene Scandicci 3-1 (25-22, 26-24, 25-27, 25-17)
Domenica 6 marzo, ore 17.00 (diretta LVF TV)
Sudtirol Bolzano – Nordmeccanica Piacenza  ARBITRI: Zanussi-Florian
Domenica 6 marzo, ore 18.00 (diretta LVF TV)
Imoco Volley Conegliano – Liu Jo Modena  ARBITRI: Zavater-Puecher
Il Bisonte Firenze – Club Italia  ARBITRI: Cesare-Vagni
Domenica 6 marzo, ore 19.00 (diretta LVF TV)
Foppapedretti Bergamo – Metalleghe Sanitars Montichiari  ARBITRI: Pol-Gasparro
Riposa: Obiettivo Risarcimento Vicenza

LA CLASSIFICA:
Imoco Volley Conegliano 52, Pomì Casalmaggiore 49, Nordmeccanica Piacenza* 45, Igor Gorgonzola Novara 42, Liu Jo Modena* 39, Savino Del Bene Scandicci 36, Foppapedretti Bergamo* 32, Unendo Yamamay Busto Arsizio** 27, Metalleghe Sanitars Montichiari 25, Obiettivo Risarcimento Vicenza 20, Club Italia* 18, Sudtirol Bolzano* 10, Il Bisonte Firenze* 7.
* una partita in meno
** una partita in più

I TABELLINI DEGLI ANTICIPI:
UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO – IGOR GORGONZOLA NOVARA 2-3 (26-24, 21-25, 25-22, 27-29, 12-15)
UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Rousseaux 4, Degradi 8, Cialfi, Negretti Beatrice, Hagglund, Thibeault 9, Papa 18, Lowe 20, Angelina, Pisani 11, Poma (L). Non entrate Fondriest, Yilmaz. All. Mencarelli.
IGOR GORGONZOLA NOVARA: Fawcett 14, Bruno (L), Malesevic, Guiggi 10, Cruz 10, Bonifacio, Chirichella 18, Signorile 5, Bosetti 1, Mabilo, Fabris 24. Non entrate Wawrzyniak, Bosio. All. Fenoglio.
ARBITRI: Palumbo, Simbari.
NOTE – Spettatori 3900, durata set: 33′, 29′, 27′, 36′, 19′; tot: 144′.

POMì CASALMAGGIORE – SAVINO DEL BENE SCANDICCI 3-1 (25-22, 26-24, 25-27, 25-17)
POMì CASALMAGGIORE: Lloyd 7, Sirressi (L), Gibbemeyer 10, Cambi 1, Piccinini 10, Kozuch 20, Stevanovic 18, Tirozzi 17. Non entrate Bacchi, Cecchetto, Ferrara, Olivotto, Rossi Matuszkova. All. Barbolini.
SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Arias Perez, Stufi 15, Alberti 3, Loda 4, Fiorin 19, Pietersen 4, Merlo (L), Scacchetti, Nikolova 22, Ikic, Rondon 2. Non entrate Giampietri. All. Chiappafreddo.
ARBITRI: Sobrero, Braico.
NOTE – Spettatori 2777, durata set: 27′, 29′, 29′, 23′; tot: 108′.