Beng Rovigo – “Ogni gara una finale”: L’intervista alla schiacciatrice Laura Crepaldi

“Ogni gara una finale”: L’intervista alla schiacciatrice Laura Crepaldi

“Non voglio sapere di numeri, non mi interessa la classifica, non parlatemi di graduatorie” professionale e scaramantica è la schiacciatrice polesana Laura Crepaldi, che per ogni partita scrive dediche diverse sulle sue dita ricoperte dal nastro bianco per ricordare persone a lei care, racconta questi mesi trascorsi in casa Beng dopo aver saputo dalle compagne di squadra che mancano solo cinque giornate alla conclusione del campionato. Per Laura Crepaldi l’unico obiettivo in queste cinque giornate, in cui incontrerà Bolzano, Pavia, Scandicci, Crovegli Reggio Emilia e Vicenza, è conquistare punti contro tutte le avversarie.
Domenica scorsa contro Sala Consilina le giallonere sono tornate a casa a mani vuote: “Nel viaggio di ritorno ho pensato molto alla partita che abbiamo disputato contro le salesi – afferma Laura Crepaldi – e purtroppo domenica non ha funzionato nulla. Quando abbiamo giocato la gara di Coppa Italia a Sala Consilina e abbiamo vinto, eravamo due squadre completamente diverse rispetto ad ora visto che loro si sono rinforzate con una banda russa molto completa. Sala Consilina è sempre stata una bella squadra che sbagliava troppo, ma molto probabilmente il nuovo innesto ha dato l’equilibrio che mancava. Noi abbiamo inoltre giocato su un campo non facile ed il loro pubblico ha fatto una confusione in cui era difficile comunicare, quindi spente le orecchie se ne è andato anche il cervello ed abbiamo commesso errori che di solito non facevamo. Il primo set è da dimenticare, poi invece abbiamo reagito nel secondo e nel terzo set, ma quando si arrivava sul finale del parziale siamo andate a commettere errori o ingenuità che non bisognava commettere e che hanno regalo la vittoria alle avversarie”.
Da inizio settimana Laura Crepaldi ha cominciato a prepararsi per la prossima sfida di domenica 16 marzo contro il Volksbank Sudtirol Bolzano: “E’ una partita in cui ci dobbiamo togliere due tre sassolini dalle scarpe – commenta Laura Crepaldi – è una squadra che nella gara di andata ci ha messo molto in difficoltà perché difende tutto. Il loro nuovo innesto, Natalia Korobkova, non ho ancora avuto modo di vederla; sicuramente Bolzano ha due bande forti, Valeria Papa e Noemi Porzio ed un bel centrale, Sara Menghi, quindi oltre alla loro difesa dobbiamo stare attente a queste attaccanti con grandi potenzialità. Sarà una partita difficile, ma penso che avremo, oltre alla rabbia dello stop di Sala, la voglia di riscattarci dalla gara di andata. Questa rabbia spero diventi qualcosa di positivo e che ci dia la grinta e la giusta cattiveria per risollevarci”.
A prescindere dalla squadra – esordisce la banda giallonera – bisogna assolutamente fare punti con tutte, soprattutto con Crovegli che sta lottando per la salvezza e verrà a Rovigo agguerrita. Sinceramente non conosco la classifica, non la guardo mai e penso che dobbiamo entrare in campo e vincerla con tutte perché in qualsiasi partita possiamo dire la nostra. Il finale di questo campionato non me lo sono ancora immaginato, preferisco vivere alla giornata; devo dire che è il primo anno che non conto quanti giorni mancano alla fine perché sto molto bene a Rovigo e sono molto serena sia perché sono vicino a casa, sia perché mi trovo molto bene con le mie compagne di squadra e tutto lo staff”.