Clendy Aversa, Lukovic senza freni

Clendy Aversa, Lukovic senza freni: “Ritorniamo a vincere. Basta errori nei momenti decisivi della gara”

“Dobbiamo solamente commettere meno errori nei momenti decisivi della gara: basta questo per ritornare alla vittoria”. Concetto chiaro quello espresso dall’opposto della Clendy Aversa Ivana Lukovic che, nonostante sia serba e parli poco italiano, arriva precisa al punto della situazione. Sa bene che in Serie A2 bisogna prima di tutto limitare al minimo gli sbagli in difesa e poi pensare “a migliorare giorno dopo giorno in ogni fondamentale. Arriviamo a questa sfida di domenica prossima (si gioca al Palajacazzi alle 17.30) con la convinzione di poter vincere e di poter regalare una gioia ai nostri tifosi. Serve quella grinta necessaria per superare gli ostacoli. C’è un gruppo fantastico che può dire la sua contro qualsiasi avversario. La crescita della squadra è continua: ora ci manca solamente lo step della convinzione. Dobbiamo entrare in campo con la mente lucida perché giocando come sappiamo non temiamo nessuno”. Ivana Lukovic ha un palmares di tutto rispetto. Basti pensare che nel 2009 ha vinto la medaglia d’argento al campionato mondiale pre-juniores grazie alla quale è stata poi promossa in prima squadra. Ha giocato in Serie A1 con la Pallavolo Sirio Perugia prima di girare un po’ per l’Europa e quindi di ritornare in Italia dopo la chiamata dell’allenatore Luciano Della Volpe. E la serba ha obiettivi ben chiari: “Appena sono arrivata ad Aversa ho capito di lavorare con uno staff tecnico e societario straordinario. Coach Della Volpe mi sta aiutando tanto in queste settimane e non posso che ringraziarlo per quello che sta facendo. Gli altri allenatori e tutti coloro che lavorano con noi stanno facendo grandi cose e noi dobbiamo ripagare questo impegno. Siamo una vera squadra con potenzialità enormi. Continuo ad avere un sogno nonostante le ultime due sconfitte. Credo che la Clendy Aversa possa ancora ambire ai primi posti della classifica e perché no alla vittoria del campionato e quindi alla Serie A1. Dobbiamo crederci fino alla fine”.