Derby amaro per l’Openjobmetis

Sporting palace fatale per Ornavasso. Al rientro dal turno di riposo l’Openjobmetis esce sconfitta da Novara per 3-0 e subisce un passivo pesante, forse eccessivo per quanto visto in campo, soprattutto se si pensa al primo set, in cui le Api vincevano 24-22. Pesano soprattutto i 15 errori punti subiti in ricezione e i tanti alti e bassi accusati.

I sestetti sono quelli rodati nelle ultime settimane. Novara è in campo con Kim-Vanzurova, Rosso-Lombardo, Milos-Casillo, Paris. Ornavasso risponde con Signorile-Muresan, Loda-Ikic, Tasca-Chirichella, Ghilardi.

Il primo set corre sul filo dell’equilibrio fino al primo time out tecnico, che l’Openjobmetis raggiunge con 2 punti di margine (12-10, fast di Tasca). È il momento migliore delle giallonere, che con il muro d Chirichella vanno avanti 18-13. Rosso e Vanzurova rispondono immediatamente (18-16) e con la Igor di nuovo in carreggiata la parità arriva a quota 21. Quando Ikic mette a terra il 24-22 sembra fatta ma un break di 4-0 propiziato da due banali errori ornavassesi e chiuso da Vanzurova strozza in gola l’urlo delle Api e porta Novara sul 26-24 e sull’1-0.

Il secondo set delle Api dura solo fino a metà, fino all’11-9 messo a terra da Ikic. Al successivo turno in battuta Lombardo infila ace in serie mandando in crisi la ricezione giallonera e spinge l’Igor sul 15-11. Bellano chiama time out, toglie Loda inserendo Senkova, ma l’Openjobmetis non ha la forza per rientrare. La parola fine arriva sul malinteso Signorile-Tasca e sulla fast mancata dalla centrale bergamasca: 25-19.

Un pesante break di 6-1 chiuso dall’ace di Loda sembra rianimare le Api. L’Openjobmetis nel terzo set conduce per larghi tratti e anche quando viene raggiunta (14-14), riallunga 16-14 con Muresan. Il controbreak di 4-0 piazzato dalla Igor ribalta non solo il punteggio, ma toglie quel poco di sicurezza che Ghilardi e compagne avevano ritrovato. Novara si distende e sul 22-18 ha in mano il match. Il tentativo di rientro ossolano (22-20) è vanificato da Vanzurova, che mette a referto 2 dei suoi 24 punti chiudendo il conto 25-20.

L’Openjobmetis perde allo Sporting e subisce il sorpasso di Novara. È la seconda sconfitta consecutiva per le Api, intervallata dal turno di riposo, dopo quella di Piacenza. Domenica a Castelletto arriva la Pomì Casalmaggiore.

 

Igor gorgonzola Novara-Openjobmetis Ornavasso 3-0 (26-24, 25-19, 25-20)

Igor gorgonzola Novara: Casillo 7, Paris (L), Rosso 17, Tokarska, Kim 1, Lombardo 5, Harms ne, Manfredini, Milos 3, Vanzurova 24, Alberti 1, Mollers. All.: Luciano Pedullà. 2°: Daniele Adami.

Openjobmetis Ornavasso: Zanin ne, Pisani ne, Moneta 1, Senkova 1, Ghilardi (L), Ikic 5, Tasca 4, Muresan 13, Montano Lucumi ne, Signorile, Gloder (L2) ne, Chirichella 10, Loda 5. All.: Massimo Bellano. 2°: Matteo Azzini.

Arbitri: Mauro Goitre e Gabriele Balboni di Torino.

Al termine della gara persa con Novara il capitano, Alessia Ghilardi, mostra la sua delusione. “Perdere ci sta, ma non così. Stasera non abbiamo giocato da Ornavasso. Nei momenti di difficoltà di solito sappiamo trovare le risorse per ritrovarci e per riprenderci ma stavolta non è successo. Guardiamo avanti”.

Che la partita possa avere svoltato nel primo set, quando sprecati due set point la Igor ha rimontato e vinto 26-24, l’allenatore dell’Openjobmetis, Massimo Bellano, è convinto solo in parte. “Tutta la prestazione è stata negativa. Sono convinto che Novara non ci è superiore, individualmente e collettivamente, come visto oggi in campo. Sono il responsabile dello staff tecnico e me ne assumo tutte le responsabilità”.