Il Club Italia vince ancora nello scontro diretto con Vicenza

_DSC7855_PallavoliamoUn super Club Italia femminile fa bottino pieno anche a Vicenza e festeggia la quarta vittoria della stagione, scavalcando l’Obiettivo Risarcimento Vicenza e salendo a quota 12 punti nella classifica della Master Group Sport Volley Cup. Il successo per 1-3, sofferto ma pienamente meritato, arriva al termine di una partita dai due volti: la squadra azzurra soffre in tutti i fondamentali nel primo set, perdendolo per 25-21 dopo aver annullato 4 set point, e anche nel secondo si ritrova sotto 12-8.

La svolta della gara arriva con l’ingresso di Orro e D’Odorico: il Club Italia prende saldamente il comando della gara, vincendo il secondo set e portando a casa il terzo in volata. Nel quarto set la formazione della Federazione Italiana Pallavolo è saldamente avanti fino al 17-22, ma si vede raggiungere e scavalcare dalle avversarie sul 24-23: ci pensa ancora D’Odorico, con altri due attacchi decisivi, a ribaltare il punteggio e chiudere la gara.

Sofia D'Odorico, capitano Club Italia (foto Rossoni / Pallavoliamo.it)

Sofia D’Odorico, capitano Club Italia (foto Rossoni / Pallavoliamo.it)

Proprio il capitano Sofia D’Odorico è grande protagonista dell’incontro con 14 punti e il 42% in attacco; fondamentale anche l’impatto di Alessia Orro in regia, mentre la top scorer dell’incontro è Elisa Zanette con 16 punti. Il muro dà un contributo importante alla vittoria con 13 punti totali, 5 di Berti e 4 di Danesi.

Dall’altra parte l’Obiettivo Risarcimento gioca una partita di grande determinazione, difendendo su ogni palla e colpendo spesso e volentieri in battuta con Drpa e Partenio; brave le azzurre a limitare Elisa Cella, ferma al 22% di ricezione perfetta. Nel finale sono le azzurre a dimostrare grande carattere e maturità, portando a casa i tre punti da un campo molto “caldo” e ostico.

Grazie a questo successo il Club Italia aggancia in classifica Busto Arsizio; sarà proprio la Unendo Yamamay l’avversaria delle azzurre nel prossimo turno di campionato, che si giocherà interamente sabato 19 dicembre.

La cronaca:
Come su tutti i campi d’Italia, prima della gara viene osservato un minuto di silenzio in onore di Andrea Scozzese, il dirigente del Volleyrò Casal de’ Pazzi prematuramente scomparso la scorsa settimana.
Il Club Italia cambia volto rispetto alle ultime uscite, presentando la diagonale composta da Ofelia Malinov in palleggio ed Elisa Zanette opposto. Sestetto tipo per Vicenza, con la coppia Cella-Partenio in posto 4.
Il primo break della partita è di Vicenza, che si stacca sul 6-3 con i punti di Partenio e Wilson. Il Club Italia fatica a mettere giù palla in attacco, ma tiene testa alle avversarie con il muro: Malinov firma il 9-7. Partenio con un ace firma il 14-10 e costringe Lucchi a chiamare il primo time out: con altri due muri di Berti le azzurre riescono a risalire fino al 15-14. Proprio qui però prende il via un micidiale break di 7-0 a favore di Vicenza, malgrado l’inserimento di D’Odorico al posto di Guerra. L’Obiettivo Risarcimento si porta senza problemi sul 24-17, le azzurre riescono ad annullare ben 4 set point con Zanette, Malinov ed Egonu, ma alla fine si arrendono all’attacco vincente di Partenio per il 25-21.

Anche il secondo set si apre in equilibrio, con una serie di errori da entrambe le parti. Proprio gli errori di Egonu (sostituita da D’Odorico) e Zanette regalano a Vicenza il break dell’11-8: Lucchi chiama time out e inserisce Orro in regia. Danesi riporta subito sotto le azzurre (13-12) che raggiungono il pareggio sul 16-15 con un ace di Zanette e un muro di Orro. Due attacchi di Sofia D’Odorico siglano il sorpasso sul 18-19 e ancora il capitano mette a segno il 19-21, che presto diventa 19-23 grazie a due errori consecutivi di Partenio. Ancora D’Odorico si procura il set point e Danesi trasforma al secondo tentativo per il 20-25.
Confermate Orro e D’Odorico nella formazione azzurra per il terzo set. Le azzurre provano subito a scappare 3-5 con Zanette e Guerra, ma vengono raggiunte e superate da Wilson sul 6-5. Il tentativo di fuga vicentino con Popovic (10-8) viene stoppato da D’Odorico e le due squadre restano in equilibrio fino al 13-13, quando il servizio di Orro scava un piccolo break per il 13-15. D’Odorico e Zanette consolidano il vantaggio ospite sul 14-18, ma Cella non demorde e trascina le sue al 18-19; due muri di Berti tengono a distanza Vicenza, che alla fine coglie però il pareggio a quota 21 con Partenio. Nella volata finale Guerra e Zanette costruiscono il set point sul 23-24 e, dopo il time out chiesto da Rossetto, l’errore di Prandi e Wilson consegna il 23-25 alle azzurre.

Vicenza conferma la diagonale Prandi-Busa nel quarto set, ma in breve è costretta a rimandare in campo le titolari perché il Club Italia scappa avanti 0-3 e 2-8 con gli ace di Berti e Guerra. Le padrone di casa provano a rientrare, ma Guerra e Danesi tengono saldamente avanti le azzurre (7-13); D’Odorico e Zanette firmano l’11-17 costringendo l’Obiettivo Risarcimento a un nuovo time out. Ancora D’Odorico tiene a distanza le avversarie sul 14-19 e la gara sembra volgere al termine, ma dal 17-22 Vicenza riesce nella clamorosa rimonta con i turni di battuta di Drpa e Partenio, riportandosi sul 23-23. Il finale è da thriller: l’attacco out di Zanette concede a Vicenza la palla per riaprire la gara, ma D’Odorico sigla il 24-24 e un errore di Drpa ribalta la situazione per il 25-24. E’ nuovamente capitan D’Odorico a mettere giù la palla decisiva, che regala i tre punti al Club Italia.

I commenti:
Elisa Zanette: “Un successo che vale doppio, perché ottenuto contro un’avversaria molto forte e perché abbiamo saputo reagire con grande carattere dopo un primo set giocato in modo troppo blando. Era una partita difficile, contro un’avversaria molto forte, e averla vinta ci dà ancora più fiducia. Non mi aspettavo davvero che arrivassimo così presto a questo punto della classifica, pensavo che il percorso sarebbe stato più lungo e invece il lavoro sta dando i suoi frutti”.
Cristiano Lucchi: “Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile, perché questo è un campo ostico e loro in casa giocano davvero bene. Siamo stati bravi a tenere duro nel momento difficile, tornando pian piano a ricamare il nostro gioco in battuta, a muro e in difesa, e alla fine siamo riusciti a giocare la pallavolo che avevamo preparato. Sono tre punti importantissimi e il recupero nel quarto set è un’ulteriore prova di maturità. Voglio fare i complimenti a tutta la squadra perché abbiamo dimostrato che tutte le giocatrici possono scendere in campo e sono pronte a dare il loro contributo”.

Obiettivo Risarcimento Vicenza-Club Italia 1-3 (25-21, 20-25, 23-25, 24-26)
Obiettivo Risarcimento Vicenza: Goliat ne, Kitipova 2, Lanzini (L), Cella 11, Popovic 9, Drpa 7, Partenio 19, Busa, Pastorello ne, Wilson 12, Crisanti, Prandi 1, Bisconti (L) ne. All. Rossetto.
Club Italia: Bonvicini, Malinov 1, Spirito (L), D’Odorico 14, Egonu 6, Orro 4, Piani ne, Danesi 9, Guerra 10, Botezat ne, Berti 8, Minervini (L), Zanette 16. All. Lucchi.
Arbitri: Sampaolo e Turtù.
Note: Spettatori 860. Vicenza: battute vincenti 3, battute sbagliate 13, attacco 34%, ricezione 57%-35%, muri 8, errori 29. Club Italia: battute vincenti 4, battute sbagliate 12, attacco 36%, ricezione 51%-29%, muri 13, errori 34.


Ufficio Stampa Club Italia femminile
Eugenio Peralta