La Liu•Jo Modena non riesce a bissare il successo di domenica

La Liu•Jo Modena non riesce a bissare il successo di domenica. La Pomì vince 3-1 al PalaPanini

Cade tra le mura amiche la formazione gialloblu che lotta tre set combattutissimi con Casalmaggiore, ma non riesce a trovare lo spunto per aggiudicarsi in particolare i primi due.

Risultato finale:

LIU•JO MODENA 1

POMI’ CASALMAGGIORE 3


Durata dell’incontro: 1h 53min

Risultati parziali:

23-25

23-25

25-23

20-25


Primo arbitro: Marco Zavater

Secondo arbitro: Fabio Gini

Spettatori: 2141

CRONACA DELLA PARTITA

Primo set.

Conferma il suo sestetto uscito vincitore dallo scontro con la Unendo Yamamay Busto Arsizio il coach modenese Chiappafreddo. Rondon è al palleggio con Fabris opposto, Paggi ed Heyrman sono le centrali, Rousseaux e Piccinini i posti quattro con Perinelli libero.

Per Casalmaggiore, invece, c’è Camera in regia con Zago opposta, Lipicer e Gennari in banda, Stevanovic e Aguirre al centro con Sirressi libero.

Grande equilibrio in avvio con Stevanovic autrice del primo punto, mentre da parte modenese le risponde a muro Heyrman. La centrale belga è ben ispirata ed anche Rousseaux si fa vedere con un punto in attacco ed un ace a seguire. Dall’altra parte, però, c’è Zago a trovare punti importanti e poi anche Gennari. Casalmaggiore trova il primo piccolo break in concomitanza con il time out tecnico che arriva sul 9-12, ma Modena ricuce subito e torna a contatto con il muro di Piccinini del 14-14. Non c’è il sorpasso, però, perché Casalmaggiore e Stevanovic trova un bel muro sulla stessa capitana per il 14-16 che spinge coach Chiappafreddo al primo time out discrezionale. Si torna in campo e le ospiti tornano a +3, un vantaggio che rimarrà fino alla parte finale del set. Entra Ruseva per Paggi ed entra anche Petrachi a rinforzare la seconda linea per Rousseaux e Piccinini trova in rigiocata il 21-22 che spinge a chiamare il time out anche il tecnico ospite. Si torna in campo e Modena ha la rigiocata per il pari, ma arriva una doppia fischiata ad Heyrman e successivamente Gennari trova l’ace che regala tre set point. Secondo time out per coach Chiappafreddo e si torna in campo con Fabris che accorcia prima che Rousseaux firmi il 23-24. Secondo time out anche per Beltrami, ma al rientro in campo Stevanovic, in fast, chiude i conti portando avanti Casalmaggiore.

Secondo set.

Sestetti confermati con Ruseva sempre in campo per Paggi. La bulgara trova subito il muro dell’1-1 e poi sul turno di servizio di Fabris arriva anche il +2 sul 5-3, ma un parziale di quattro punti propiziato da Zago riporta avanti Casalmaggiore e spinge coach Chiappafreddo al time out. Buona scelta questa perché Fabris inizia a macinare in maniera devastante: tre punti consecutivi riportano a contatto la LiuJo Modena ed il muro della stessa croata che porta al time out tecnico decreta anche il sorpasso bianconero sul 12-11. Non si ferma l’opposta bianconera che porta anche a +2 il vantaggio e sull’attacco vincente di Heyrman per il 17-15 coach Beltrami chiama anche time out per la propria formazione. E’ sfida fra posti due perché dall’altra parte è dall’inizio del match che Zago martella in attacco e dal servizio in maniera importante trovando anche i due punti consecutivi del 18-18. Gennari riporta avanti le ospiti, ma rispondono Fabris e Piccinini. Un pallonetto millimetrico della croata termina di nulla out e le ospiti tornano avanti. Sul 22-23 firmato Lipicer arriva anche il secondo stop discrezionale del set per coach Chiappafreddo. La schiacciatrice ospite arriva anche a dare due set point alla sua squadra, Fabris annulla il primo, ma al secondo tentativo arriva ancora una volta la chiusura con il punteggio di 23-25.

Terzo set.

Serve una scossa all’incontro per riportarlo sui binari che possono portare ad un risultato positivo e ad inizio terzo set Fabris e Ruseva ci provano subito con un muro per parte. La stessa croata mette anche a terra la palla del 5-2 e poi sul 6-3 firmato Piccinini arriva subito anche il time out di coach Beltrami. Allunga ancora Modena con l’ace dell’8-4 firmato Heyrman e poi mantiene sempre Fabris le distanze mettendo a terra il pallone con grande continuità. Un muro subito dalla stessa croata su una situazione molto difficile accorciano di una lunghezza il margine che rimane comunque visibile sul 12-9 al time out tecnico griffato dalla diagonale vincente di capitan Piccinini. La seconda parte di parziale, però, inizia con il rientro di Casalmaggiore che sfrutta due errori consecutivi di Rousseaux ed Heyrman che portano il punteggio sul 13-13. Entrambe si fanno immediatamente perdonare al rientro in campo con gli attacchi mani fuori del nuovo doppio vantaggio. Sul primo la coppia arbitrale ravvisa anche un’invasione a rete di Stevanovic e Modena si riporta avanti chiamando coach Beltrami al suo secondo time out. E’ un tira e molla che vede le rosa di nuovo in parità sul 15-15 con attacco di Gennari ed ace di Zago. Qui, però, la LiuJo Modena spinge ancora di più e riesce a trovare un allungo propiziato da Ruseva che nell’arco di pochi punti mette a terra attacco, rigore e muro che portano fino al 21-15. Coach Beltrami cambia tutto, si gioca le carte Bacchi, Aguero ed Agrifoglio per Gennari, Zago e Camera e le scelte pagano perché i meccanismi difensivi si stringono, Sirressi vola su almeno tre palloni ed il vantaggio bianconero scende fino al 21-19 che obbliga coach Chiappafreddo al time out discrezionale. C’è anche il mani out in fast di Stevanovic per il -1, ma è ancora Ruseva a bloccare la rimonta con il muro che porta al cambio palla. Fabris fa anche 23-20 in rigiocata, Lipicer accorcia e capitan Piccinini regala tre set point alla sua squadra. Il primo lo annulla Aguero, al primo punto nel match, il secondo Bacchi in pipe, ma al terzo Agrifoglio batte a fondo campo ed è ancora 25-23, questa volta per Modena.

Quarto set.

Torna il sestetto di inizio gara per Casalmaggiore e le ospiti si portano subito a condurre sfruttando qualche errore di troppo in avvio delle bianconere. Piccinini attacca a rete un pallone difficilissimo e poi incoccia ancora nell’errore sulla palla seguente. 3-7 il punteggio e coach Chiappafreddo ferma subito il gioco. Non è rientrata in campo come nel set precedente la formazione bianconera che va sotto fino al 4-11 con il muro subito da Andjelic, appena entrata nel doppio cambio che ha coinvolto in entrata anche Prandi ed in uscita Fabris e Rondon. Heyrman e la pipe in rete di Zago riportano Modena a -5, ma la stessa Zago trova il pertugio nel muro per portare il set al time out tecnico sul 6-12. Non c’è la rimonta modenese i cui tentativi di attacco si inizia a infrangere puntualmente contro il muro avversario. Casalmaggiore arriva fino al 9-20 prima di una reazione che porta ad accorciare, in particolare proprio quando le ospiti si ritrovano svariati match-point a disposizione. Ruseva ne annulla bel quattro, due a muro e due in attacco, ma Aguirre chiude set e partita con il punto del 20-25.

L’analisi di coach Chiappafreddo: “Purtroppo questa sera o facevamo punto subito oppure era punto per le altre. Questa cosa mi ha fatto molto arrabbiare perché è vero che siamo una squadra giovane, ma in determinate situazioni ci siamo fatti prendere dalla fretta e dalla poca lucidità. Adesso dobbiamo pensare ad andare in campo mercoledì e pensare ad evitare situazioni come questa. La classifica? Vedremo, ci sono pochi punti di differenza con le altre e lavoreremo nei prossimi giorni per chiudere al meglio la regular season”.

PROSSIMO APPUNTAMENTO: mercoledì 2 marzo, alle ore 20:30 presso il PalaNorda di Bergamo, decima giornata di ritorno di Master Group Sport Volley Cup Serie A1 fra Foppapedretti Bergamo e LiuJo Modena.