La myCicero torna prontamente alla vittoria

MYCICERO – KIOTO CASERTA 3-1 (25-22; 23-25; 25-22; 25-12)
MYCICERO: Liliom 21, Sestini 8, Mezzasoma 14, Babbi 18, Mastrodicasa 12, Di Iulio 1; Zannini (L), Bordignon, M’Bra. N.e. Di Marino, Gennari, Arciprete. All.: Bertini.
KIOTO CASERTA: De Lellis 2, Harelik 12, Facchinetti 7, Percan 22, Porzio 4, Casillo 9; Barone (L), Gabbiadini 1, Galazzo 2, Botarelli. N.e.: Aquino, Modestino, Torchia, Paioletti (L). All.: Gagliardi.
ARBITRI: Piperata e Montanari.
myCicero: battute sbagliate 14, battute vincenti 4, ricezione 63% (prf. 35%), attacco 40%, errori 22, muri 9.
Kioto Caserta: battute sbagliate 11, battute vincenti 6, ricezione 66% (prf. 30%), attacco 30%, errori 24, muri 8.

PESARO – La myCicero torna prontamente alla vittoria nel primo dei due turni casalinghi al cospetto della Kioto Caserta. Le ragazze di Bertini hanno fiaccato, alla lunga, le avversarie grazie a una difesa stratosferica e a continui muri che hanno sporcato, soprattutto nel terzo e quarto parziale, la resistenza delle campane.
Pronti via e Caserta vola subito sul 6-2 con Facchinetti in battuta, costringendo Bertini a chiamare subito il time out discrezionale. Pesaro però non ci sta e dopo aver subito anche il 2-7, rimonta fino al 9-10 grazie a una buona distribuzione di gioco e a una Mezzasoma dal braccio caldo. Caserta scappa ancora con un parziale di 5-1 (15-10) ma la myCicero restituisce il “favore” (5-0) e con la battuta di Babbi, aiutata dal nastro, impatta sul 15 pari. Un muro di Sestini fa mettere per la prima volta il muso avanti alle padrone di casa (19-18). Da qui in poi si procede punto a punto. Pesaro, grazie a due punti consecutivi della Babbi, tenta la fuga decisiva (23-21) e grazie a una fast della Mastrodicasa si aggiudica il set (25-22).
La myCicero è carica a mille e parte a razzo grazie a difese strepitose soprattutto di Mezzasoma e vola subito sull’8-2. Ma la Kioto si risveglia improvvisamente e mette la freccia con un parziale complessivo di 11-4 (e dal 2-8 va sul 13-12 con un attacco out di Mezzasoma). Da qui in poi si procede punto a punto più di nervi che di bel gioco da parte di entrambe le squadre. Tenta il break decisivo la Kioto con una pipe da posto 1 di Percan (23-21) costringendo Bertini a giocarsi il secondo time out discrezionale. Due battute sbagliate consecutive di Mezzasoma e Babbi regalano il set alle ospiti (25-23).
Continua a essere fallosa in battuta la myCicero sbagliando 4 battute consecutive a cavallo dei due set (le ultime due del secondo set e le prime due del terzo) ma a appena registra questo fondamentale prova subito a fuggire (10-5) e arriva al primo time out tecnico avanti di 5 punti (12-7). Pesaro sembra padrona del set anche perché le ospiti sembrano disunirsi con errori elementari (17-9). Ma a questi livelli mai dare per morte le avversarie che, con un parziale di 4-0, riaprono il set (nel frattempo Gagliardi avvicenda la De Lellis con la Galazzo in cabina di regia) e costringono Bertini a giocarsi il primo time out discrezionale dopo un muro della Casillo. E’ la Percan che, con un errore in battuta, ferma l’emorragia di Pesaro (da 17-9 a 18-15!). Ma Liliom prende per mano la myCicero e con due punti consecutivi ridà ossigeno alle padrone di casa; le fa eco la Sestini che con due muri consecutivi (unito all’errore in battuta della Gagliardi) porta Pesaro sul 24-20. Non è sufficiente l’ultimo colpo di coda delle ospiti perché l’attacco da posto 2 di Liliom riporta Pesaro in vantaggio.
Pesaro parte subito bene anche nella quarta frazione grazie a difese stupende e a una Babbi estremamente precisa (7-2). Il capitano rossoblù, accompagnata da Mezzasoma, prende per mano la myCicero e Pesaro vola sul 17-7. Dall’altra parte della rete si registra un calo generale perché le padrone di casa hanno cominciato a sporcare tutti gli attacchi della Kioto innervosendo Percan e compagne. Gagliardi che era partito ancora con la Galazzo in regia, rigioca la carta De Lellis ma il trend non cambia (23-12) e grazie a una pipe della Mezzasoma e a un ace di Babbi le padrone di casa conquistano i tre punti.