Montichiari riapre la corsa ai playoff

METALLEGHE SANITARS – UNENDO YAMAMAY: 3 – 2 (17-25; 25-20; 23-25; 25-16; 19-17)

IGOR_MONITICHIARI_0342Busto approccia meglio il match in avvio, ma la reazione di Montichiari non tarda e quando il muro si aggiusta, il gioco torna fluido in campo biancorosso. Il terzo set vinto di misura dalle ospiti fa suonare la carica nel gruppo di casa che conquista il tie break con un quarto parziale perfetto. Quinto parziale tiratissimo che svolta con due ace di Mingardi; Tomsia mette giù il punto numero 35 e chiude al sesto match ball, riducendo ad un solo punto la distanza in classifica dalle ospiti.

Per Barbieri starting six con Dalia e Tomsia, Brinker e Barcellini, Sobolska e Gioli con Carocci libero. Mencarelli schiera sulla diagonale principale Hagglund e Lowe, con Papa e Rousseaux in banda, Thibeault e Pisani al centro e Poma libero. Break di Busto in avvio che va avanti 10-6, tirando forte la battuta. Il muro di Montichiari non riesce ad opporsi efficacemente agli attacchi ospiti e Metalleghe Sanitars deve rincorrere 12-21. Lombardo dentro per una reazione che non basta a scongiurare il 17-25. Avvio in accelerazione nel secondo parziale: la difesa si aggiusta e Montichiari va 9-4; il muro di Gioli del 15-8 costringe Mencarelli al secondo time out. Busto risale  fino a 18-15 ma non mina la sicurezza biancorossa: Sobolska dal centro non sbaglia il 22-18 e Barcellini mura Lowe, su servizio efficace di Mingardi: 25-20 il finale. Equilibrio nel terzo set; Tomsia show per il recupero da 5-6 a 8-6; dall’altra parte la pari ruolo Lowe pareggia a 14. Pisani sigla un ace che vale il 16-18 e Thibeault ferma Tomsia per il punto successivo. Montichiari non molla, cresce la tensione: si viaggia sul filo e l’ultima palla la mette giù Lowe, 23-25. Montichiari spinge e si porta sul 7-2 con un buon turno di battuta di Sobolska. Degradi è in campo per Papa, ma il muro di casa si fa sentire e innesca la reazione del gruppo: Barcellini – un ace – e Gioli attaccano d’autorità (20-12). Menacrelli inserisce Cialfi in regia, ma Metalleghe Sanitars è tutta grinta e arriva al tie break con un perentorio 25-16. Da 4-1 Busto recupera e sorpassa; Montichiari resta nel match e torna davanti con i due ace di Mingardi e il muro di Sobolska che svoltano il set da 9 pari a 12-9. Busto non ci sta e annulla cinque match ball, ne conquista uno, ma alla fine è Tomsia – 35 punti per lei- a chiudere 19-17 una serata epica.

Barbieri: “La posta in palio era altissima e il rischio di sacrificare il livello tecnico per la tensione c’era. Ci siamo caduti nel primo set, poi abbiamo giocato tecnicamente bene. Busto è ancora avanti e questo dà loro qualche certezza in più verso i play off, ma noi intendiamo giocarcela”.

Tomsia: “Abbiamo ancora tutto nelle nostre mani. Tocca a noi fare punti nelle prossime giornate per recuperare il punto che ancora ci separa da Busto. Stasera una bella soddisfazione e finalmente davanti al nostro pubblico”.

Mencarelli: “La sintesi migliore di questa gara è la tensione nell’alternanza dei set, che poi si è riproposta nel tie-break. Resta l’amaro in bocca, ma lo sport è questo e abbiamo giocato un volley di buon livello”.

Tabellino:

Metalleghe Sanitars: Dalia 5, Tomsia 35, Brinker 8, Barcellini 14,  Gioli 11, Sobolska 9,  Carocci (L), Lualdi , Mingardi 2, Zecchin ne, Lombardo 1. All. Barbieri, 2°Parazzoli.

Unendo Yamamay: Rousseaux 16, Degradi 9, Cialfi, Negretti, Fondriest ne, Hagglund 4, Thibeault 11, Papa 11, Lowe 29, Angelina, Pisani 10, Poma (L). All. Mencarelli, 2° Musso.

Montichiari: 85 punti; 15 muri; 12 errori;  3 bs; 6 ace.

Busto Arsizio: 91 punti; 12  muri; 24 errori;  12 bs; 2 ace

Durata set: 22’ 24’ 28’ 24’18’ Arbitri: Luciani – Frapiccini.