#RoadToRio2016: il sogno continua

qualificazione turchiaAnkara. L’Italia compie l’impresa, batte al tie-break di misura la Turchia ed il suo grande pubblico e guadagna il viaggio per il Giappone dove a maggio si giocherà il Torneo Intercontinentale di Qualificazione Olimpica (unito a quello asiatico, che metterà in palio gli ultimi tre pass per Rio 2016.

Difficile raccontare cosa è stata la sfida con le turche. L’Italia per nulla intimorita dal grande e chiassoso tifo di casa ha giocato al limite delle sue attuali possibilità, non lasciandosi mai prendere dallo sconforto nei momenti difficili, ne’ dall’esaltazione quando le cose giravano per il verso giusto. Demir e compagne sono state più regolari, i numeri degli statistici parlano chiaro, ma le azzurre di Marco Bonitta hanno tirato fuori il meglio delle loro qualità nei momenti importanti, quelli fondamentali, quelli decisivi. L’Italia ha vinto ancora al quinto set, ancora di misura come già accaduto con Belgio e Polonia, confermando di avere lucidità e freddezza nelle battute finali di gare lunghe e difficili a livello tecnico e nervoso.

egonu - CopiaQuali siano le qualità di questa squadra lo indicano la generosità di alcune veterane: la capitana Del Core prima delle altre, capace di sobbarcarsi il peso della ricezione per tutto il match per emergere anche in attacco nel quinto set decisivo; la regolarità ad altissimo livello di Martina Guiggi preziosa in attacco ed a muro, brava al servizio, forse quella che ha meritato il voto più alto complessivo nei cinque giorni complessivi di partite. Ma nel momento della qualificazione a cui tutte le ragazze azzurre hanno contribuito in maniera importante ci sembra giusto ricorda ancora una volta che l’Italia in campo ha schierato molto a lungo due diciassettenni con sole 12 gare di A1 alle spalle: Paola Egonu ed Alessia Orro, che si sono tolte la grandissima soddisfazione di chiudere i tre set vinti. L’attaccante il primo (con una schiacciata) ed il terzo (con un aces), l’alzatrice il tiebreak con un muro che ha strozzato in gola il grido di gioia turco.

ITALIA-TURCHIA 3-2 (25-23 19-25 25-23 15-25 15-13)

ITALIA: Del Core 12, Guiggi 13, Orro 3, Egonu 23, Chirichella 5, Diouf 10, Sansonna (L), De Gennaro (L), Gennari , Ferretti 4, Bosetti L. , Centoni, Danesi, Non entrate: Bonifacio. All. Bonitta.
TURCHIA: Akman 11, Demir 18, Ozsoy 19, Erdem 19, Aydemir 5, Kirdar 11, Karaday (L). Onal, Non entrate: Orge (L), Uslupehlivan, Toksoy, Cemberci, Yilmaz, Baladin. All. Akbas.
ARBITRI: Adler e Dudek
Spettatori: 4000. Durata set: 30, 32, 31, 26, 19.
Italia: bs 17, a 7, m 14, e 7.
Turchia: bs 13, a 8, m 15, e 11.

Bonitta ha rilanciato in partenza la generosa Chirichella al posto della Danesi, confermando il sestetto divenuto titolare strada facendo, quello composto da Orro in regia, Diouf opposto, Chirichella e Guiggi al centro, Ogonu e Del Core di banda, Sansonna libero. Ma nel corso della gara c’è stato più o meno spazio per tutte. Ed ognuna ha fatto il suo dovere.

L’Italia è partita bene, ha subito il ritorno turco, ma ha chiuso con personalità il primo 25-23. Nel secondo tanta Turchia e gara che ritorna in equilibrio, nel terzo ancora le padrone di casa avanti anche 19-16, ma a decidere è il gran finale italiano. Quarto turco e tie-break davvero palpitante. Con la squadra di casa subito avanti 4-1, poi raggiunta sul 5-5. Italia in vantaggio per la prima volta 10-9 poi l’allungo decisivo sul 14-12 e il gran muro finale di Orro sul secondo match-point.
Le azzurre tornano a casa felici. Rio non è ancora conquistata, ma molto più vicina.

 

Foto cev.lu