Serie B1: Una Zambelli Orvieto cinica castiga il Cecina

ZAMBELLI ORVIETO – POMARANCE.NAME CECINA = 3-0
(25-19, 25-14, 25-22)

ORVIETO: Rossini 22, Tiberi 10, Ubertini 9, Kotlar 8, Sabbatini 3, Pesce 2, Rocchi (L), Fastellini, Serafini. N.E. – Iacobbi, Hromis, Volpi. All. Gian Luca Ricci e Marco Gobbini.

CECINA: Mutti 10, Renieri 7, Silvestri 6, Genovesi 5, Cavallini 1, Paparelli, Sbrana (L), Orzenini 1. N.E. – Casini, Manetti, Giannetti, Noci. All. Luca Berti e Damiano Achilli.

Arbitri: Lucia Casacci e Giuseppe Allegrini.
ZAMBELLI (b.s. 8, v. 7, muri 7, errori 17).
POMARANCE (b.s. 6, v. 1, muri 5, errori 16).

Rossini-Kotlar-Rocchi (esultanza)ORVIETO (TR) – Una Zambelli Orvieto grintosa e determinata è scesa in campo sabato sera al Pala-Papini per tornare a graffiare e lo ha fatto riuscendo ad imporsi in maniera netta.

Precisa in ricezione, incisiva in battuta e compatta a muro, punti fermi del team delle tigri rupestri, la regia ha potuto disporre il gioco impostando la tattica migliore e costringendo le rivali ad inseguire.

Anche la Pomarance.Name Cecina è apparsa molto desiderosa di trovare la via del successo che ancora gli è mancata, squadra ben impostata e che non si è persa mai d’animo fornendo segnali di reazione anche dopo aver ceduto i primi due set.

È stata la schiacciatrice Jasmine Rossini stavolta l’autentica mattatrice dell’incontro, le sue incursioni sulla banda hanno reso la vita difficile alle toscane, realizzando ben ventidue punti personali, come a dire quasi un set conquistato da sola.

I primi due parziali si sono praticamente sbloccati al primo time-out tecnico, con le gialloverdi locali che si sono scrollate di dosso le avversarie e sono andate in progressione gestendo il margine di vantaggio in assoluta tranquillità e con poche sbavature complessive.
Nella terza frazione le cose sono sembrate mettersi ancora meglio (8-3), ma un rilassamento generale ha consentito alle ospiti di richiudere il solco scavato e di ribaltare la situazione portandosi pericolosamente avanti (17-21), è stato qui che il carattere delle orvietane è uscito fuori prepotentemente piazzando un break di otto ad uno che ha chiuso definitivamente i conti.

Alberto Aglietti

Ufficio Stampa
Pallavolo A.Z. Zambelli Orvieto