SPLENDIDA RISO SCOTTI: COSI’ PUNTIAMO IN ALTO

RISO SCOTTI PAVIA- SAUGELLA TEAM MONZA  2-3 (25-19, 22-25, 20-25, 25-19, 14-16)

RISO SCOTTI PAVIA: Masino 1 , Nicolini 1, Renkema 7, Frackowiak 25, Giuliodori 6 , Poma C. (L), Devetag 14, Di Bonifacio 5, Moretti 13, La Rosa. Non entrate Hodzic, Poma G. Allenatore Rosario Braia.

SAUGELLA TEAM MONZA: Bruno 6, Viganò 15, Garavaglia 19, Balboni 4, Bonetti 27, Garbet, Facchinetti 7, Bisconti (L). Non entrate Saveriano, Pastrenge, Ravetta,Nomikou, Rinaldi. Allenatore Enrico Mazzola

 

Arbitri: Spinnicchia, Gasparro                                                   durata set: 24’, 25’,26’,28’,21’. Tot 2h 04’.

 

La Riso Scotti scende in campo decisa a vendicarsi dello scivolone occorsogli sette giorni fa in Calabria. Il turno non è favorevole; il calendario oggi prevede Saugella Team Monza, la corazzata indicata come favorita del campionato. La Riso Scotti però oggi c’è ed è bella, determinata, cattiva, grintosa, in alcuni momenti quasi perfetta: il risultato non la premia pienamente ma in questa fredda e nebbiosa giornata di dicembre ha scaldato animi e cuori del pubblico.  

Riso Scotti in starting player consueto: Masino regista e Poma libero, Devetag e Giuliodori la coppia centrale, Moretti e Renkema schiacciatrici-ricevitrici, Frackowiack opposto. Saugella Monza oppone Bruno, Viganò, Garavaglia, Balboni in palleggio, Bonetti, Facchinetti e Bisconti libero.

Coraggioso inizio della Riso Scotti che non si fa intimorire dal blasone di Monza. Vanno a segno le schiacciatrici con continuità e il risultato si orienta da subito a favore della Riso Scotti. Frackowiack segna il sette a due e costringe l’allenatore monzese Mazzola a chiamare il primo time-out della gara. Non perde il ritmo giusto la Riso Scotti che continua la sua progressione positiva: Moretti segna l’undici a quattro, Devetag eleva muri impenetrabili e Joanna Frackowiack mette in mostra tutto il repertorio di soluzioni-punto a sua disposizione. Il distacco diventa importante: Kim segna il ventuno a dieci. Saugella non ci sta e reagisce con rabbia: il distacco si riduce sensibilmente. Il mani-out di Giuliodori vale la conquista di ben otto set-point. Monza ne annulla tre, poi il tocco delicato in primo tempo di Francesca Devetag segna la fine del primo parziale: un primo set quasi perfetto.

Equilibrio nella fase iniziale del secondo set: Pavia tenta la fuga, Monza la riprende e la supera e si procede punto a punto. L’ace di Moretti fa scattare il tempo tecnico sul dodici a undici e alla ripresa si procede ancora appaiate. Frackowiack dalla seconda linea conquista il quindici a quattordici prima del minibreak di tre punti di Monza. Braia chiede tempo per rompere il ritmo, riuscendoci parzialmente. Moretti segna il sedici, Saugella non si ferma. Bonetti coglie due occasioni e allunga ancora ed è Francesca Moretti a intervenire interrompendo l’avanzata monzese. La  Riso Scotti insegue da vicino e non perde il contatto. Una doppia fischiata alla palleggiatrice Masino e un attacco out di Frackowiack in questa fase finale aumentano pericolosamente il distacco. Viganò conquista quattro set point per Saugella. Due non sono sfruttati, sul terzo Garavaglia mette a terra il pallonetto vincente che chiude il set.

Saugella Monza è ora carica e impone il suo ritmo fin dall’inizio del terzo parziale, costringendo Braia a chiamare il primo tempo discrezionale sullo svantaggio di cinque a uno. La risposta di Pavia c’è, Renkema accorcia il distacco, ma è timida e Saugella allunga ancora. Braia manda in campo La Rosa e Di Bonifacio senza però riuscire ad affrancarsi dalla prepotenza delle monzesi. Bonetti segna il punto che fa scattare il time-out tecnico sul dodici a sette. La Riso Scotti riduce leggermente il distacco prima di due palle contestate che la sprofondano a meno sei.  Frackowiak si incarica di prendere per mano la squadra nella rincorsa e con un muro spettacolare la Riso Scotti si fa sotto: diciotto a diciannove. Il momento favorevole però sfuma: Garavaglia e Viganò non concedono tregua ed è proprio Natalia Viganò a segnare il venticinquesimo punto con la Riso Scotti ferma sul ventesimo.

Anche il quarto set inizia male per la Riso Scotti: pochi minuti bastano per il vantaggio monzese per cinque a due. Nicolini rileva Masino in palleggio e la Riso Scotti si riprende. Frackowiack e Devetag  guidano la riscossa e uno spettacolare break ribalta la situazione: Pavia si porta in vantaggio per dieci a sei. Saugella rincorre e ritrova la parità sull’undicesimo punto, ma è ancora Frackowiack a piazzare la zampata vincente che consente a Pavia  il vantaggio al tempo tecnico. La partita si fa spigolosa, la Riso Scotti resiste e non molla le avversarie anche quando la precedono e con una splendida schiacciata di Joanna Frackowiack che raggiunge l’angolo più lontano del campo il risultato vola sul diciannove a sedici per le pavesi. Ancora Joanna per il venti. Qualche errore monzese aiuta il rush finale pavese. L’invasione di Balboni sull’attacco di Marianna Di Bonifacio segna la fine del set con sei lunghezze di vantaggio per la Riso Scotti.

In salita anche l’inizio del tie-break: Bonetti, leader indiscusso della Saugella, a muro e in attacco lancia in orbita le monzesi e il risultato si porta su un pericoloso cinque a zero. Rosario Braia ha nel frattempo mandato in campo Renkema al posto di Moretti e chiama il primo time-out. A poco a poco Pavia ritrova la fiducia, il divario si riduce grazie all’apporto di tutta la squadra e alla fine il miracolo succede: il muro di Giuliodori stoppa Viganò ed è parità: nove punti a testa.  Bonetti scatenata segna l’undicesimo e il dodicesimo punto; Moretti cerca di rimanere a ruota. Bonetti segna anche il tredici e la sorte di Pavia sembra segnata. Ma le vespe non mollano mai: in un Pala Ravizza infuocato Devetag in primo tempo, poi la doppia di Balboni e infine l’attacco vincente di Moretti ristabiliscono la parità. Bonetti mai doma raccoglie il primo match point, Francesca Moretti glielo annulla. L’attacco out di Joanna, oggi splendida dall’alto dei venticinque punti segnati, riporta in vantaggio Saugella che con il muro di Bruno su Francesca Devetag vince ai vantaggio set e incontro. Partita appannaggio di Monza, ma le sfide nella sfida hanno visto le pavesi primeggiare: Frackowiack, in lizza per la vetta della classifica punti individuali con Viganò, ne esce vittoriosa per venticinque a diciassette, Celeste Poma come sempre impeccabile vince la sfida indiretta tra i liberi, con il suo 79% di ricezioni positive e 53% di perfette.  Un plauso anche per Cecilia Nicolini, ottima nello spezzone di gara in cui ha giocato.

Ufficio stampa Riso Scotti Pavia