Un punto a Soverato per l’Obiettivo Risarcimento

Volley Soverato – Obiettivo Risarcimento Vicenza 3-2 (25-14, 18-25, 25-18, 22-25, 15-13)

Obiettivo Risarcimento: Pastorello 2, Peretto 8, Sestini 11, Lanzini (L), Milocco 12, Andreeva 2, Baggi 17, Ghisellini 1, Fiori, Fronza 16, Cialfi 1. All. Rossetto
Volley Soverato: Cacciapaglia (L), Travaglini 14, Boscacci 19, Martinuzzo 10, Rosa 20, Arimattei 18, Ferraro ne, Lavorenti 1, Bellapianta ne, Burduja ne, Torcasio ne, De Lellis. All. Breviglieri
Arbitri: De Simeis  da Lecce e Palumbo da Caserta

 

L’Obiettivo Risarcimento ha iniziato a giocare solo dal secondo set a Soverato ed è questo il rammarcio più grande, perché dal secondo in poi le biancoblu hanno giocato alla pari con le più quotate calabresi, riuscendo a portare la partita al tie break dopo essere state sotto di 7 punti nel quarto set. Segnali positivi anche da Peretto, che ha ben sostituito Andreeva in una giornata piuttosto storta. Come temuto alla vigilia, per Soverato hanno fatto la differenza le schiacciatrici di palla alta, ma anche i tantissimi pallonetti che sono caduti nella metà campo biancoblu.
Le ragazze di Rossetto sono uscite comunque dal campo a testa alta e con un punto forse inaspettato, soprattutto per come era iniziato il match,

Obiettivo Risarcimento in campo come la scorsa settimana con Ghisellini al palleggio in diagonale con Andreeva, Milocco e Baggi in banda, Sestini e Pastorello al centro, Lanzini libero.
I primi due punti sono delle biancoblu grazie ai regali delle padrone di casa che si fanno sorprendere da una ricezione lunga e sbagliano il primo attacco. La situazione torna però subito in parità e rimane così fino al nono punto firmato a muro da Pastorello. Poi Soverato accelera con un buon turno al servizio e un muro ordinato, andando sul +3 alla sospensione tecnica. Al rientro in campo c’è il black out dell’Obiettivo Risarcimento (con Peretto che esordisce entrando al posto di Baggi), che non riesce a mettere palla a terra a differenza delle padrone di casa: 18-10, 22-11, 25-14.

Nel secondo set torna Baggi e Fronza prende il posto di Pastorello, facendo così anche lei il suo esordio in serie A2. Questa volta le padrone di casa tengono la testa avanti solamente nel primissimo scambi (4-2), poi le biancoblu allungano con Baggi che stoppa una ricezione lunga sul servizio di Andreeva, Soverato sbaglia anche il pallone successivo, Sestini c’è, Lanzini in difesa pure e anche Baggi risponde presente: 4-9.

Finito il buon turno al servizio, Andreeva lascia il posto di Peretto e l’Obiettivo Risarcimento allunga ancora portandosi sul +7. Soverato prova ad accorciare e Rossetto stoppa il gioco sul 12-16 e al rientro in campo Baggi in pipe riconquista il +6. Entra Cialfi al palleggio, Milocco sfodera tutti i colpi e Fronza chiude sul 18-25.

Peretto viene conferma il suo ruolo di opposto, ma sono le padrone di casa a partire avanti e rimanerci dall’inizio alla fine. Il primo break arriva sul 6-4, poi il 10-7 con un errore ed immediato anche il -4. Fronza a muro prova ad accorciare in un paio di occasioni, ma le padrone di casa giocano una pallavolo più concreta e spinte dal loro pubblico si portano sull’11-17. Cialfi prende il posto di Ghisellini, in seconda linea entra Fiori per Baggi, ma la musica non cambia, anzi, le biancoblu concedono troppo e il set si chiude sul 18-25.

Per il quarto set Rossetto conferma Cilafi in regia e ripropone Andreeva opposto. Soverato inaugura il parziale con due pallonetti vincenti (gli ennesimi), l’Obiettivo Risarcimento risponde a muro, Milocco firma l’ace del 2-3, Baggi il +2, ma Soverato preme sull’acceleratore ed è 5-8, con Ghisellini e Peretto che tornano in campo. I 4 punti di svantaggio alla sospensione tecnica, aumentano a 7 al ritorno in campo. L’Obiettivo Risarcimento però non si scoraggia e recupera l’intero svantaggio impattando a quota 16 con un buon turno al servizio di Milocco, due muri (Fronza e Peretto) e due attacchi di Peretto. Un errore rimanda Soverato a +2, rientra Cialfi e Sestini impatta sul 19-19. Peretto serve bene, Baggi martella e Sestini è padrona della rete: 19-23. Le padrone di casa non si arrendono e su una palla molto dubbia giudicata out accorciano per il 22-23, ma Sestini in fast conquista il ventiquattresimo punto e le calabresi fanno da sole per il 22-25 che vale il tie break.

Il quinto set si apre con Cialfi al servizio, che mette in difficoltà la ricezione avversaria, permettendo al muro di posizionarsi bene e al contrattacco di funzionare: 0-3. Il vantaggio però dura poco e il piccolo palazzetto calabrese diventa una bolgia. Il set prosegue con continui cambi di fronte, c on Soverato che conquista il break sul 13-11. Le biancoblu sprecano la palla del possibile 13-13, Baggi annulla il primo match-ball, ma la seconda va a terra lasciando all’Obiettivo Risarcimento un solo comunque buonissimo punto.

Domenica prossima si torna al PalaCampagnola per la sfida contro Pavia, anche lui sconfitto in cinque set.

 

Alida Pretto
Ufficio Stampa Volley Towers