Volksbank Südtirol Neruda grande vittoria a Monza in rimonta

Volksbank Südtirol Neruda grande vittoria a Monza in rimonta e annullando due palle match nel tie-break

BOLZANO, 2 MARZO 2014 – Il primo tie-break vinto nella stagione (dopo tre partite perse al quinto set) regala al Volksbank Südtirol Neruda uno straordinario successo sul campo della Saugella Monza, ottenuto contro una squadra che all’andata aveva espugnato il Palaresia nelle vesti di capolista. Stavolta invece le brianzole, malgrado due palle match avute nel tie-break, devono arrendersi ad una formazione altoatesina eccezionale per tecnica e carattere, che non ha mai mollato e solo nel terzo set ha dovuto rifiatare per i ritmi altissimi della partita. Un match vibrante, con il Volksbank Südtirol Neruda trascinato dagli attacchi in palla alta del trio Korobkova-Porzio-Papa e dalla straordinaria prestazione di capitan Menghi: 19 punti, 9 muri e tanti palloni toccati per le ricostruzioni. Meriti ovviamente anche alla regista Cumino, al libero Medaglioni, alle centrali che si sono alternate ed a tutte le atlete scese in campo. I due punti permettono alla squadra del presidente Favretto di tenere il passo di Pavia e restare ad un solo punto dalla zona playoff. Ma ecco la cronaca.

Primo set. Si parte con i sestetti annunciati: padrone di casa con Balboni in regia e Aricò opposto, Viganò e Bonetti in banda, Garbet e Bruno centrali, Bisconti libero, ospiti con Korobkova opposta a Cumino, Papa e Porzio in posto 4, Menghi e Gentili al centro, Medaglioni libero. L’inizio è tutto di marca altoatesina: attacco Korobkova, errore Bonetti e Porzio ed è 0-3. Il primo punto monzese è di Garbet, poi Menghi e Cumino mettono a segno due muri per il 3-6 ma la Saugella ricuce lo strappo e, dopo un attacco Viganò e una palla out di Papa, prima pareggia (7-7) e quindi si porta avanti con un muro su Porzio (8-7). Il match entra nel vivo e si lotta spalla a spalla fino al 10-10 firmato da Porzio con l’ennesimo mani out, che si ripete subito dopo, e grazie al successivo muro Menghi su Bonetti manda Bolzano al riposo a + 2 (10-12). Monza si rifà sotto con Bonetti (12-13), poi il Volksbank Südtirol Neruda con Porzio in battuta mette in croce la ricezione brianzola cosicché sul 12-16 coach Mazzola è costretto a chiedere tempo. Bolzano mantiene 4 lunghezze di vantaggio fino al 16-20, ma non è per nulla finita. Monza ribalta tutto con Facchinetti (entrata al posto di Garbet) al servizio e Bonetti in attacco, costringendo Bonafede a fermare il gioco sul 18-20 e sul 21-20. Sul 22-21 Porzio firma la parità e va in battuta per non uscire più: Papa firma il controsorpasso, Korobkova mette giù la palla set in pipe su alzata di Menghi, che poi sigilla il set con una splendida fast.

Secondo set. Mazzola lascia Facchinetti in campo al posto di Garbet. Il parziale si apre con un errore Bonetti, che si rifà subito con l’attacco del 2-1. Monza prova ad allungare (4-2, 5-3) ma Bolzano risponde e con due muri della scatenata Menghi (su Aricò e Viganò) mette la freccia (5-6). La Saugella reagisce con una fast di Facchinetti (7-6) che firma anche il +2 (9-7). Come nel primo set il match è vibrante, ben giocato e con continui capovolgimenti di punteggio. Ora tocca a Bolzano infilare un filotto di punti: due errori monzesi su ottime difese ospiti procurano il 9-9, Gentili mura, Porzio in pipe chiude un’azione spettacolare con Medaglioni e Papa protagoniste in difesa (9-11). Mazzola corre ai ripari inserendo la greca Nomikou per Aricò, ma al time out tecnico si va a +3 Bolzano grazie al muro di Papa su Viganò (9-12). Al rientro in campo Monza si rifà sotto (11-12), ma Gentili rintuzza il tentativo d’aggancio con una fast e un ottimo primo tempo (11-14) obbligando Mazzola al time out discrezionale. La pausa fa bene alle brianzole che, come nel primo set, su ottimo servizio di Facchinetti si scatenano: doppio Bonetti per il 14-14 e Bonafede spezza il gioco inserendo Ceron per Gentili. La pausa però non ferma Facchinetti, che anzi firma il 15-14 con un ace. Dopo il time out di Bolzano la neoentrata Ceron firma il nuovo sorpasso ospite (15-16), che diventa +2 (16-18) con un lungolinea di Porzio che costringe Monza a chiedere tempo. Bolzano si porta poi a +3 (17-20) con un muro Menghi, ma esattamente come nel primo set a questo punto la Saugella con Balboni in battuta mette a segno un filotto micidiale, chiuso da Viganò con un muro che vale il 23-21. Papa di testa su murata sigla il 23-22, Bonetti in pipe procura la palla set, Viganò sbaglia il servizio (24-23), chiude la solita Bonetti.

Terzo set. L’avvio è micidiale per le ospiti: attacco e muro Facchinetti, invasione Menghi, ace Viganò ed è 4-0 con Bonafede costretto a giocarsi subito un time out. A sbloccare lo score di Bolzano ci pensa Korobkova con un muro su Bonetti (4-1), Monza risponde con un muro di Nomikou per il +5 (8-3) e Bonafede si gioca il doppio cambio (Bertolini-Giora per Cumino-Korobkova). L’inerzia del match non cambia, anzi al time out tecnico Monza si presenta con 6 lunghezze di vantaggio (12-6). Rientrano Korobkova e Cumino, un ace di Papa accorcia il gap (12-8), ma Monza ricomincia a macinare punti volando sul 15-9 con Bruno. Il Volksbank Südtirol Neruda reagisce con un ace Korobkova e un attacco Porzio (15-12) costringendo Mazzola a chiedere tempo. Bolzano si porta a due lunghezze con Menghi (16-14), poi però su ottimo servizio Bonetti la Saugella cambia decisamente marcia e, con 5 errori ospiti e un paio di ace, vola sul 24-14: il parziale si chiude con una contesa a rete vinta da Balboni su Gentili.

Quarto set. Bolzano si ripresenta con Bertolini al posto di Gentili. Il set perso malamente non scoraggia Menghi e compagne, che dopo il 5-3 (ace Bruno) si portano a condurre 5-7 grazie anche a due errori monzesi. Facchinetti e Bonetti ricuciono lo strappo (7-7), ma il Neruda riparte subito con Menghi, muro Papa e muro Cumino (7-10) obbligando Monza al time out discrezionale. Lo stop però non deconcentra le altoatesine che infilano altri due punti (out Facchinetti e attacco Papa) andando al riposo obbligatorio sul + 5 (7-12). Sull’11-15 Monza mette a segno un break di tre punti (doppio Viganò e Bruno) portandosi a -1 (14-15). Bolzano però non si fa intimorire e si riporta nuovamente a +4 (15-19) con un errore Viganò e punti di Papa e Cumino. Monza si rifà sotto (17-19), Bolzano riparte con due attacchi di Papa (18-21) che in pallonetto firma anche il 19-22. Mazzola ferma il gioco, al ritorno in campo il set parla solo russo: Korobkova mette giù un pallonetto (19-23), poi firma la palla set (21-24) annullata da Bonetti e infine mura Viganò: è tie-break, il quarto stagionale.

Quinto set. Tutte le volte in cui il Volksbank Südtirol Neruda è andato al quinto set (a Pavia e San Casciano e in casa con Vicenza) ha sempre perso. E anche stavolta l’inizio del tie-break non fa presagire nulla di buono, con Monza che fa tutto da sola: Vigano e Nomikou per il 2-0, errore Viganò per il 2-1, muro su Porzio ed ace Facchinetti (4-1 e time out Bonafede), ancora due ace della scatenata Facchinetti per il 6-1. Finita? Neanche per sogno. Facchinetti sbaglia la battuta e Bolzano si scuote: muro Menghi, attacco Porzio ed ace Korobkova per il 6-5, si cambia campo sull’8-6. L’aggancio è solo rimandato e arriva con Bertolini (9-9), poi Korobkova risponde a Bonetti (10-10), Monza riparte con un muro Viganò e si porta a +2 con un attacco out di Korobkova. La siberiana si rifà subito dopo con un mani-out e con un muro sulla Bonetti (12-12): inizia la bagarre vietata ai deboli di cuore. Uno dei rarissimi errori Bonetti regala il vantaggio esterno (12-13), Bonetti e Bruno portano Monza alla palla match (14-13) annullata da Korobkova, che poi sbaglia il servizio per la nuova palla match di Monza (15-14). E qui entra in gioco il capitano: Sara Menghi mette giù la palla del 15-15 e poi, dopo l’ace chirurgico di Porzio (zona di conflitto Viganò-Bonetti), chiude lo scambio lungo che regala due punti d’oro alla squadra del presidente Favretto.

Coach Fabio Bonafede l’aveva detto alla vigilia: da ora in poi bisogna onorare le trasferte e dimenticare la brutta prestazione di Scandicci. “È stata la partita più bella dell’anno, vinta contro una grande squadra in un palazzetto caldissimo. Le ragazze ci hanno messo tanto cuore, tanta tecnica ed hanno seguito alla perfezione la tattica che avevamo preparato per limitare il loro potenziale offensivo. Peccato per il vantaggio sciupato nel secondo set, ma Monza è squadra che non ti perdona cali di ritmo. E infatti nel terzo set abbiamo dovuto rifiatare, stavamo giocando a ritmi troppo alti. Poi nel quarto abbiamo ricominciato a giocare e siamo arrivati con merito al tie-break. Qui abbiamo iniziato malissimo, ma non per appagamento, bensì perché abbiamo dovuto prenderci un’altra pausa. Poi le ragazze sono state eccezionali a stringere i denti, credendoci fino alla fine malgrado le due palle match avute da Monza. Faccio i complimenti a un gruppo che anche stasera ha dimostrato di dare il massimo quando viene chiamato in causa”.

SAUGELLA TEAM MONZA – VOLKSBANK SÜDTIROL NERUDA BZ 2-3

(22-25, 25-23, 25-15, 22-25, 15-17) (109-105)

SAUGELLA TEAM MONZA: Balboni 1, Aricò 6, Viganò 17, Bonetti 24, Garbet 1, Bruno 11, Bisconti (L), Facchinetti 15, Ravetta, Saveriano, Nomikou 7. N.e. Rinaldi, Pastrenge (L). All. Enrico Mazzola.

VOLKSBANK SÜDTIROL NERUDA BZ: Cumino 3, Korobkova 21, Porzio 14, Papa 16, Menghi 19, Gentili 4, Medaglioni (L), Bertolini 2, Waldthaler, Fogagnolo 1, Giora, Ceron 1. All. Fabio Bonafede.

ARBITRI: Davide Prati di Pavia e Davide Morgillo di Napoli.

DURATA SET: 30’, 34’, 27’, 31’, 22’.

Saugella Team Monza: muri 10, ace 8, battute sbagliate 10, errori 14, 32% in attacco, 67% (41%) in ricezione.

Volksbank Südtirol Neruda BZ: muri 19, ace 4, battute sbagliate 4, errori 23, 31% in attacco, 55% (34%) in ricezione.

Nelle foto in allegato di Thomas Benelli: Maria Luisa Cumino (a sinistra) e capitan Sara Menghi strepitosa con 9 muri

Ufficio stampa Volksbank Südtirol Bolzano – Responsabile: Paolo Florio