Unendo Yamamay Busto Arsizio: grande vittoria a Novara

La vittoria della Unendo Yamamay Busto Arsizio nel segno di Piske Arrighetti (foto G. Alemani)

La vittoria della Unendo Yamamay Busto Arsizio nel segno di Piske Arrighetti (foto G. Alemani)

Una vittoria importante per la classifica e per il morale: è questo il senso del rotondo 3-0 che la Unendo Yamamay Busto Arsizio è riuscita a conquistare questa sera allo Sporting Palace di Novara contro le padrone di casa della Igor Volley Gorgonzola, nella sesta giornata di campionato di volley femminile di serie A1.

E’ un successo meritato per la squadra di Carlo Parisi, che può festeggiare così serenamente il compleanno, rinfrancato dalla prestazione positiva delle sue ragazze. Di sicuro a vantaggio di Marcon e compagne hanno pesato i 25 errori commessi dalle piemontesi, ma limitare a questo dato la vittoria biancorossa sarebbe assai ingiusto. Le farfalle sono scese in campo con ilcorretto atteggiamento, sostenute nell’equilibrato primo set da un’ottima Ortolani (poi calata fisicamente e sostituita con efficacia da Bianchini nel terzo) e chiuso al photo-finish dal murone di Arrighetti.

La centrale genovese, premiata MVP dell’incontro, è stata assoluta protagonista anche del finale del secondo parziale, vinto in rimonta dalla UYBA (da 20-15 a 22-25), grazie ancora ai muri della numero 13 e ad uno straordinario exploit di Buijs (10 punti nel set). Nel terzo set Parisi ha trovato le giuste risposte anche dal nuovo assetto tattico con Bianchini nel ruolo di opposto e Spirito sempre dentro in seconda linea, mentre la Igor Gorgonzola è sembrata spegnersi forse troppo presto e ha ceduto definitivamente.

Qualche numero per finire: Arrighetti, davvero a proprio agio con Wolosz, è stata la top scorer bustocca con 16 punti (5 muri), seguita da Buijs, partita così così ma ottima dal secondo parziale (15 punti, 40% finale). Per Novara, che ha provato diverse soluzioni tattiche durante la partita, bene Rosso con 18 punti e il 40% offensivo. Non lo dicono i numeri, infine, ma Giulia Leonardi si è distinta per alcune difese mozzafiato: da ricordare quella del 10-10 del secondo set. La Unendo Yamamay rimane sesta in classifica, ma si avvicina al quinto posto, ora distante una sola lunghezza ed occupato proprio dalla squadra di Pedullà.

woloszSala stampa:
Parisi: “E’ stato importante vincere in extremis il primo set, così come fondamentale è stato il nostro recupero nel secondo. C’è stata da parte nostra sicuramente una crescita di atteggiamento in campo rispetto a Bergamo: le ragazze sono state lucide e presenti, anche se sicuramente Novara non ha offerto la sua migliore prestazione, commettendo tantissimi errori nel primo e nel terzo set. E’ un risultato che ci voleva per il nostro stato d’animo e per la fiducia. La cosa da sottolineare maggiormente è però il cambio di ritmo rispetto alle ultime uscite: se riusciamo a essere più tranquille e a essere pazienti esprimiamo un miglior gioco, con un muro-difesa efficace”.

Marcon: “3 punti importanti per classifica e morale. La Chiave? Siamo state brave anche in battuta dove abbiamo spinto senza sbagliare, il muro difesa ha poi fatto la differenza. Siamo scese in campo tranquille, sapendo che era importante fare punti contro Novara che sta giocando bene e si sta rivelando una grande squadra. Tranquillità e lucidità ci hanno premiato, anche quando eravamo sotto nel punteggio”.

Pedullà: “La mia squadra ha commesso troppi errori, ci siamo sistemati male in difesa e siamo stati inferiori in tutti gli aspetti. Atteggiamento non bello nel terzo set, la rimonta della UYBA del secondo ha chiuso la partita”.

Paris: “Non abbiamo fatto niente di giusto, l’atteggiamento è stato sbagliato. Non c’è nessun alibi per questa sconfitta, nemmeno l’aver giocato tre partite in questa settimana”.

La gara in pillole:

Adf a NovaraPedullà inizia con Kim – Vanzurova, Milos – Casillo, Rosso – Lombardo, Paris libero. Parisi risponde con Wolosz – Ortolani, Garzaro – Arrighetti, Marcon – Buijs, Leonardi libero.

Primo set: l’avvio è equilibrato, con Ortolani (8 punti nel parziale, 41%) che risponde a Vanzurova e colpisce bene da posto 2 e in pipe (8-8); l’opposto biancorosso mura anche l’8-9, poi Casillo regala il primo break alla UYBA (9-11), che approfitta anche dell’attacco out di Vanzurova per allungare (10-13). Le farfalle lavorano bene con il muro difesa (ottima Leonardi), Arrighetti conferma il vantaggio (12-15) e la solita Ortolani porta a 4 il vantaggio con il pallonetto del 12-16. Sul 13-17 Pedullà inserisce Murphy per Lombardo e poco dopo Rosso (7 punti nel set) conquista il -1 (16-18), con Parisi che ferma il gioco per il time-out. Murphy firma l’ace del 17-18, Ortolani trova l’importante cambio palla del 17-19, ma Milos e l’errore in palleggio di Wolosz fanno 19-19. Nel finale combattuto (dentro Bianchini per Buijs) è Arrighetti a mettere la firma, con il gran muro del 23-25.

Secondo set vinto dalla UYBA con un gran recupero nel finale (da 20-15 a 22-25), con Buijs (10 punti, 60%) e Arrighetti (6 punti con 3 muri) protagoniste nel finale. Pedullà parte con Tokarska per Casillo, Buijs e Arrighetti aggrediscono bene il parziale e la UYBA è subito in vantaggio (4-6). Pedullà cambia anche la diagonale palleggiatore-opposto inserendo Mollers e Murphy e Novara, approfittando di qualche imprecisione bustocca si riporta avanti (10-9). Leonardi compie un miracolo difensivo che vale il 10-10, le farfalle combattono e passano per prime al tempo tecnico (11-12). Rosso tiene in pari lo score (14-14), poi il muro di Murphy e l’ace della stessa Rosso fanno chiamare tempo a Parisi (16-14). Rosso continua a battere bene, colpisce anche con la pipe (18-14) e sembra spezzare in due il set (20-15); Parisi prova Bianchini per Ortolani, Buijs e la stessa Bianchini ritrovano il -1 (21-20) e Pedullà ferma il gioco. Buijs pareggia (21-21), Arrighetti mura due volte (21-23), Buijs la imita (21-24), Arrighetti chiude in primo tempo (22-25).

Terzo set: Parisi conferma Bianchini (con Spirito sempre dentro in seconda linea) per Ortolani e Pedullà rimette in campo la stessa formazione che ha chiuso il set precedente. L’avvio è equilibrato, ma la UYBA serve bene e Novara palesa qualche problema in ricezione (7-10 time-out Igor). Pedullà prova Manfredini per Lombardo, ma la nuova entrata regala subito il 7-11, mentre Marcon lavora intelligentemente in attacco realizzando l’8-12. Manfredini prova a dare la scossa alle compagne con il 12-14, Rosso è sempre la migliore per la Igor (13-15), ma Arrighetti respinge al mittente il tentativo di recupero con attacco+ace che valgono il 13-17. Buijs conquista il 15-20 e chiude di fatto il match: finisce con una doppietta di Arrighetti (17-25).

Il tabellino

Igor Gorgonzola Novara – Unendo Yamamay Busto Arsizio 0-3 (23-25, 22-25, 17-25)

Igor Gorgonzola Novara: Casillo, Paris (L), Rosso 18, Tokarska 2, Kim, Lombardo 4, Manfredini 1, Milos 5, Vanzurova 8, Alberti, Mollers 1, Murphy 8. All. Luciano Pedullà. Secondo allenatore: Daniele Adami. Battute errate: 9, vincenti: 4. Muri: 5.

Unendo Yamamay Busto Arsizio:Ortolani 11, Degradi ne, Garzaro 2, Bianchini 2, Michel ne, Leonardi (L), Marcon 3, Spirito, Buijs 15, Arrighetti 16, Wolosz 1, Petrucci ne. All. Carlo Parisi, secondo allenatore Massimo Dagioni. Battute errate: 2, vincenti: 2. Muri: 7.

Arbitri: Zavater – Cesare
Spettatori: 3200 (400 da Busto Arsizio)
Foto della partita di Gabriele Alemani

Ufficio Stampa UYBA – Giorgio Ferrario