#WCWC2016: prima sconfitta per la Pomì

pomicasalmaggioresjovanastevanovic_1024x678La Pomì Casalmaggiore rialza la testa e mantiene vive le speranze di accedere alle semifinali del FIVB Volleyball Women’s Club World Championship 2016, grazie al successo in rimonta sul Rexona Sesc Rio per 3-2 (17-25, 25-20, 25-20, 19-25, 18-16). Le rosa, reduci dallo 0-3 dell’esordio contro l’Eczacibasi Istanbul, disputano un brutto primo set, quindi reagiscono con classe e impeto e si portano avanti 2-1. Rientrano le brasiliane, che si issano fino al match point – per due volte – nel tie-break. Le casalasche annullano entrambe le opportunità e chiudono 18-16 con un muro di Lloyd.

La vittoria dà alla Pomì i primi due punti in classifica, con Rexona a 4 ed Eczacibasi Istanbul a 3. Per superare la fase a gironi del Mondiale per Club, le rosa dovranno battere il PSL Manila e sperare che le brasiliane di Bernardinho perdano con le turche di Barbolini. Giovedì alle 7.00 di mattina (ora italiana) scenderanno in campo proprio Rexona ed Eczacibasi, mentre Casalmaggiore giocherà alle 13.30 (con differita su Rai Sport HD alle 16.30 con il commento di Marco Fantasia e Claudio Galli).

La cronaca. Il primo set è per molti versi la copia dei tre parziali disputati contro l’Eczacibasi. Il muro rosa funziona meglio rispetto a 24 ore prima (Gibbemeyer stampa Monique per il 9-12), ma nelle altre fasi del gioco permangono le imprecisioni: Fabris va lunga, Lloyd palleggia basso per Tirozzi e Bosetti che subiscono il muro brasiliano, errori su semplici appoggi condizionano negativamente i contrattacchi. Entra Guerra per Tirozzi, l’ex Club Italia pesta la linea dei tre metri sulla pipe e il 13-22 è il preludio al 17-25.

Tutt’altra Pomì nel secondo set, con un’efficienza notevole in ricezione: sia il cambio palla che le ricostruzioni funzionano meglio, il contrattacco di Tirozzi firma il 15-9. Bernardinho cambia qualcosa ma il muro di Stevanovic fa 17-10. Le brasiliane tornano a contatto, sul 19-16 Caprara chiama time out. Sale in cattedra Fabris, poi ace di Bosetti e i conti tornano in parità. Nel terzo il Rexona prende un buon vantaggio (5-8), così Caprara fa debuttare Lucia Bacchi ed è parità a quota 8. Le brasiliane allungano, le rosa ricuciono (13-13). Errore di Buijs, Stevanovic realiza l’ace e la Pomì scappa 18-14. La seconda linea riprende tutto e il Rexona perde le misure, commettendo diversi errori (23-18). Di Fabris il mani out del 25-20.

Stevanovic frena Monique e 4-2 Pomì nel quarto. La centrale serba si ripete – uno contro uno – sul primo tempo di Roberta e 7-3. Gabi reagisce con due ace su Sirressi e in un attimo è 8-8. Si spegne la luce, 9-13 sul muro subito da Bosetti. Il parziale di fatto indirizza il set, perché le casalasche pasticciano e cedono 19-25. Nel tie-break il Rexona si affida totalmente a Gabi, chiedendole di attaccare da ogni posizione. Sirressi le si oppone, 4-4. Tirozzi ha la palla dell’8-4, ma subisce il muro avversario. Poi sbaglia di nuovo, permettendo al Rexona il sorpasso sull’8-9. Pallonetto di Bosetti, 13-12. Ma due punti più in là, Fabris va lunga e 13-14. La Pomì salva due match point e poi esulta sul muro di Lloyd che vale il 18-16.

Fabris è la top scorer in maglia rosa con 24 punti, dall’altra parte Gabi ne fa 29. In doppia cifra anche Bosetti (16 con 3 ace e 4 muri) e le due centrali Stevanovic (13) e Gibbemeyer (10).

 

Foto FIVB