World Grand Prix 2016: secondo successo azzurro

World Grand Prix 2016: secondo successo azzurro, 3-2 al Giappone

 

ITALIA – GIAPPONE 3-2 (25-20, 25-20, 23-25, 25-27, 15-8)

ITALIA: Melandri 10, Diouf 14, Guerra 15, Danesi 12, Malinov 8, Egonu 30. Libero: De Gennaro. Spirito 1, Ortolani 2, Cambi. N.e: Sylla, Chirichella, Gennari e Sirressi (L). All. Bonitta

GIAPPONE: Otake 6, Koga 17, Araki 9, Tashiro 6, Ishii 16, Ebata 15. Libero: Arisa. Maruyama, Miyashita 1, Nabeya. N.e: Nagaoka, Yamaguchi, Uchiseto, Zayasu. All. Manabe

ARBITRI: Macias (Mex) e Vera Mechan (Per).

Durata set: 23’, 22’, 27’, 28’, 16’.

Italia: 16 bs, 10 a, 16 mv, 30 et.

Giappone: 11 bs, 9 a, 7 mv, 21 et.

Rio de Janeiro. Secondo successo consecutivo per la nazionale italiana femminile, uscita vittoriosa 3-2 (25-20, 25-20, 23-25, 25-27, 15-8) dalla gara contro il Giappone nell’ultima giornata della Pool A del World Grand Prix. Le ragazze di Marco Bonitta hanno concluso in maniera positiva il week end brasiliano, fornendo un’altra buona prestazione. Il Ct italiano in avvio ha ancora una volta mischiato le carte, ma le azzurre non hanno faticato a trovare l’intesa e a dominare i primi due set. Nel terzo il Giappone è riuscito a reagire, nonostante un bel tentativo di rimonta azzurra. Emozionante la quarta frazione, nella quale l’Italia ha sprecato due palle match prima di essere punita dalle avversarie. A netto appannaggio delle ragazze di Bonitta il tie-break, amministrato con autorevolezza.

Grande protagonista di giornata è stata Paola Egonu top scorer del match con 30 punti, seguita da Anastasia Guerra a quota 15. Oltre ad un’eccellente organizzazione di gioco, una delle chiavi della vittoria italiana è stata l’ottimo rendimento a muro 16 a 7 (5 di Malinov) che ha messo in difficoltà l’attacco giapponese. La nazionale tricolore ha così chiuso il girone in seconda posizione (2 vittorie e 5 punti) alle spalle del Brasile 3V (9 p.).

Domani nella serata italiana le azzurre partiranno da Rio de Janeiro alla volta di Bari (con breve scalo a Roma), sede della prossima tappa del Grand Prix (17-19 giugno). In Puglia si aggiungeranno Antonella Del Core, Nadia Centoni, Martina Guiggi e Alessia Orro mentre Anastasia Guerra e Carlotta Cambi lasceranno il gruppo. Le ragazze di Bonitta debutteranno al PalaFlorio venerdì 17 giugno (ore 20.30) contro la Thailandia, per poi affrontare Olanda (sabato 18 giugno) e le campionesse europee della Russia (domenica 19 giugno).

Nella partita di oggi l’Italia si è schierata in campo con Malinov in palleggio, opposto Diouf, schiacciatrici Guerra ed Egonu, centrali Danesi e Melandri, libero De Gennaro. Per Laura Melandri si è trattato del debutto nel World Grand Prix.

Nel primo set le azzurre hanno subito il miglior avvio del Giappone, però con grande determinazione sono sempre riuscite a rimanere attaccate alla formazione asiatica. Le nipponiche hanno provato più volte ad allungare, ma grazie soprattutto ad un ottimo servizio l’Italia ha risposto colpo su colpo e poi spinta dai punti di Diouf ed Egonu ha preso il largo (25-20).

A senso unico la seconda frazione, sempre comandata dalle ragazze di Bonitta che non hanno concesso niente alla avversarie. Una Paola Egonu molto ispirata ha guidato le compagne verso un comodo (25-20), in un set che non ha mai avuto storia.

La reazione giapponese è arrivata nel terzo parziale, quando l’Italia è calata di rendimento ed ha sofferto l’iniziativa delle avversarie. La squadra asiatica ha aumentato sempre di più il proprio vantaggio, sino a toccare addirittura il (13-21). A giochi praticamente chiusi, però, Malinov e compagne non si sono arrese e hanno dato vita ad una bella rimonta non concretizzatasi per pochissimo (23-25).

All’insegna dell’equilibro il quarto set, nessuna delle due squadre è riuscita ad allungare e così si è arrivati in perfetta parità sino al (23-23). In un finale molto combattuto l’Italia si è guadagnata due match point, ma li ha sprecati entrambi, mentre il Giappone alla prima occasione buona ha chiuso con un aces (25-27).

Molto diverso l’andamento del tie-break che ha visto la nazionale tricolore portarsi al comando sin dai primi scambi. Una volta avanti le azzurre non hanno più rallentato e si sono imposte di forza (15-8).

MARCO BONITTA: “Siamo molto soddisfatti per aver ottenuto due vittorie, ma soprattutto per il modo in cui sono arrivate. La squadra oggi ha fornito una buona prestazione, riuscendo a restare in partita per tutti i cinque set. Ci siamo presentati in Brasile con un gruppo molto giovane che aveva l’obiettivo di fare esperienza e così è stato. Non sono felice solo per i due successi, ma anche perché siamo stati l’unica formazione capace di strappare un set al Brasile, mettendolo in difficoltà. Durante queste tre gare ho variato molto la formazione, ma sono tutte cose che proviamo in allenamento quindi non improvvisate. Il mio progetto è avere una squadra intercambiabile che riesca a mantenere un alto e costante livello di gioco. Adesso si va a Bari dove troveremo altre squadre molto forti, questo in fondo è il Grand Prix.”

PAOLA EGONU: “È stata una bellissima partita e sono felice per la vittoria, anche se potevamo chiuderla già nel quarto set e invece non ci siamo riuscite. Poco male perché ogni set in più ci consente di accumulare una dose maggiore di esperienza, da ogni situazione dobbiamo imparare qualcosa. Essendo un gruppo molto giovane penso che queste tre partite penso ci aiuteranno tanto a crescere. Uno dei nostri punti di forza è aiutarsi sempre a vicenda, sia chi è in campo che chi sta in panchina: è una cosa che mi piace davvero tanto. Adesso bisognerà preparare al meglio la tappa di Bari, giocare in Italia con la maglia azzurra addosso regala sempre grandi emozioni.”

RISULTATI e CALENDARIOGruppo A Rio de Janeiro (Brasile): 9 giugno: Brasile-Italia 3-1 (23-25, 25-15, 25-15, 27-25), Giappone-Serbia 3-0 (31-29, 25-18, 28-26); 10 giugno: Brasile-Giappone 3-0 (25-20, 25-23, 25-15), Italia-Serbia 3-1 (25-16, 25-19, 29-31, 25-17); 12 giugno: Brasile-Serbia 3-0 (25-20, 25-18, 25-18), Italia-Giappone 3-2 (25-20, 25-20, 23-25, 25-27, 15-8).

CLASSIFICA: Brasile 3V (9 p.), Italia 2V (5 p.), Giappone 1V (4 p.), Serbia 0V (0 p.).

IL CALENDARIO DELLE AZZURRE – 17 giugno (Bari) Thailandia-Italia (ore 20.30); 18 giugno (Bari) Olanda-Italia (ore 20.30); 19 giugno (Bari) Russia-Italia (ore 20.30); 24 giugno (Ankara) Italia-Brasile (ore 13.30); 25 giugno (Ankara) Turchia-Italia (ore 16.30); 26 giugno (Ankara) Italia-Belgio (ore 13.30). Orari di gioco italiani.