#A2Fvolley, Monza: vittoria nello scontro diretto

frescoIl campionato di volley femminile di serie A2 propone nella decima giornata del girone di andata lo scontro ad alta quota tra Saugella Team Monza e Volley Soverato. Le calabresi affrontano una lunga trasferta per confermare al PalaIper il secondo posto in classifica, sperando in uno scivolone della capolista Forlì contro Aversa. Non è semplice giocare una gara importante con un viaggio sulle spalle e una giornata lunga già più di 12 ore al momento del fischio di inizio… le rosanero di Secchi, in più, incontrano una Saugella al gran completo, con un Dall’Igna perfettamente recuperata, una squadra sempre agguerrita e pronta a difendere la propria “tana”.

devetag dall'ignaA SPECCHIO – Il tema tattico rispecchia l’indole delle palleggiatrici che orchestrano il gioco delle loro squadre: smarcare le centrali, che attaccano tuttavia lungo il nastro della rete da più posizioni. Strappano applausi gli schemi proposti da Dall’Igna e chiusi da Devetag, così come le fast di Cumino e Travaglini. Il primo parziale è pressoché speculare anche nel punteggio, almeno fino alla soglia del ventesimo punto… un errore di Donà in attacco permette a Monza di conquistare il doppio break, e il turno al servizio di Zago lancia le lombarde verso la vittoria: chiude un attacco di Dekani, che fissa il punteggio sul 25-20.

I PETALI DELLA “ROSA” – L’inizio del secondo set è gestito da Monza sull’onda dell’entusiasmo e con la leggerezza data dall’aver rotto il ghiaccio con un avversario difficile. Luca Secchi si rivolge alla panchina e affida la rimonta della sua squadra a Vietti e Pirv, che conducono le rosanero a giocarsi il secondo parziale, contribuendo ad annullare lo svantaggio accumulato dalla squadra di casa. Anche il secondo set, dunque, si decide sul filo degli episodi, ed è sempre dalla panchina che per Monza arriva la spinta alla vittoria: porta il nome di Giulia Visintini, giovane schiacciatrice che entrata in battuta nelle ultime fasi del parzialmente in difficoltà la retroguardia avversaria e si rende autrice di due difese decisive. Sul contrattacco, Monza chiude sul punteggio di 25-22.

UN VIAGGIO TROPPO BREVE – Soverato ci mette tutto il pepe – anzi, il peperoncino! – che può per recuperare la gara nel terzo set: grazie ad un #murone di Donà su Zago riesce anche a portarsi in vantaggio, cosa quasi inedita nel corso del match. Ma l’effetto dura poco, troppo poco per pensare di recuperare a questa Saugella, che si fa forte di una correlazione muro – difesa sempre più collaudata e oggi egregiamente sostenuta da Devetag e Lussana (che a fine gara sarà nominata MVP). Si chiude velocemente il terzo parziale, sul 25-15: un lungo viaggio di ritorno permetterà a Soverato di digerire la netta sconfitta subita in una gara troppo breve, e di ripartire dalla consapevolezza di meritare più di una chance, se saprà fare tesoro delle risorse in dote ad una squadra dalle grandi potenzialità.

Martina Ricca